Infermiera "scroccona" alla sbarra

Lanciano. Coinvolta anche una centralinista del Renzetti: entrambe sono accusate di peculato. Si facevano chiamare per ricaricare il cellulare

Infermiera "scroccona" alla sbarra

LANCIANO. INFERMIERA SCROCCONA A GIUDIZIO. Un'infermiera ed una centralinista dell'ospedale 'Renzetti' di Lanciano sono state rinviate a giudizio con l'accusa di peculato. Durante l'orario di lavoro erano solite usare il telefono di servizio per fini personali facendo delle chiamate alla propria utenza privata del telefono. Il Gup ha fissato il processo al 19 giugno. Sulla base dell'accusa, nell'arco di un mese, l'infermiera si sarebbe fatta chiamare per ricaricare il suo cellulare per complessivi 62 euro, mentre il centralinista avrebbe chiamato dal posto di lavoro i suoi familiari creando un danno alla Asl quantificato in 343 euro

Redazione Independent

lunedì 04 marzo 2013, 19:17

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
lanciano
renzetti
infermiara
centralinista
ospedale
denuncia
Cerca nel sito