Non indagati Razzi e Scilipoti

La Procura smentisce il coinvolgimento sulla compravendita dei voti. L'abruzzese: «che ho rubato una mela?»

Non indagati Razzi e Scilipoti

COMPRAVENDITA PARLAMENTARI. INDAGATI I SENATORI RAZZI E SCILIPOTI. Antonio Razzi e Domenico Scilipoti non sono indagati dalla Procura di Roma nell'ambito delle indagini sulla presunta compravendita di parlamentari o meglio sul "cambio di casacca" in Parlamento, avvenuto nel dicembre del 2010, quando lasciarono l'Italia dei Valori per approdare al Gruppo Misto per votare la fiducia al Governo Berlusconi. A dichiararlo in una nota ufficiale è la stessa procura di Roma che spiega anche che i due onorevoli erano stati citati da Antonio Di Pietro che presentò un esposto. L'inchiesta è simile a quella aperta a Napoli sul passaggio del senatore Sergio De Gregorio dalla maggioranza all'opposizione ai tempi del governo di Romano Prodi.

IL COMMENTO DELL'ABRUZZESE: «E' CHE HO RUBATO UNA MELA». Intervistato dai giornalisti in Svizzera, dove risiere, il politico originario di Giuliano Teatino ha dichiarato: «E che ho fatto? Ho rubato una mela?». E, poi: «Ancora con questa cazzata - ha proseguito riferendosi ad Antonio Di Pietro - questo succede quando non si sa perdere; bisogna essere sportivi, ma dal magistrato ci vado quando vuole. Me ne sono andato dall'Idv perchè era un macello».

Redazione Independent

martedì 05 marzo 2013, 16:09

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
razzi
scilipoti
indagati
corruzione
roma
compravendita
berlusconi
parlamentari
dicembre
fiducia
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?