In bus stipati come sardine

L'Aquila. Sotto accusa il servizio di mobilità. Tinari: «I nostri figli a scuola in autobus stracolmi»

In bus stipati come sardine

L'AQUILA. IN AUTOBUS COME SARDINE. Riaprono le scuole ma i problemi restano sempre gli stessi. Questa volta, a finire sul banco degli imputati, c'è l'azienda di mobilità urbana Ama «E' davvero un'indecenza vedere i cittadini, e in particolare i nostri figli, assiepati dentro gli autobus come sardine. Gli autobus che arrivano alle fermate stracolmi e ripartono ancora più carichi. Alla Piazza di Coppito poi è davvero un'indecenza. E’ vero che siamo ancora in emergenza - anche se qualcuno pensa che sia passata - ma almeno ai ragazzi che si recano a scuola vogliamo dare quella dignità e quella tranquillità che meritano?». Lo denuncia il consigliere del Comune di L'Aquila, Roberto Tinari. 

AMA SOTTO ACCUSA. Tinari spiega che è «davvero penoso vedere cose da terzo mondo (dopo che i genitori versano 195 euro annui per garantire il trasporto dei figli che vanno a scuola) e addirittura a volte si fa fatica a far entrare la gente nei bus. Addirittura qualcuno costretto a rimanere a piedi e a chiedere passaggi di fortuna, non potendo aspettare la corsa successiva». Chi di dovere deve sentire l’obbligo di intervenire immediatamente. 

Reda Inde

mercoledì 19 settembre 2012, 12:49

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
ama
l'aquila
scuola
bus
pieni
piazza coppito
affollamento
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano