Imprese: l'Abruzzo diventa "Regione Facilissima" con la legge anti-burocrazia

Gli scriventi: un percorso virtuoso che passa da una 'straordinaria' semplificazione dei procedimenti amministrativi, fino ad arrivare alla fiscalità di vantaggio

Imprese: l'Abruzzo diventa "Regione Facilissima" con la legge anti-burocrazia

IMPRESE: PROPOSTA DI LEGGE "ABRUZZO, REGIONE FACILISSIMA". Favorire l'insediamento in Abruzzo di nuove realtà produttive, attraverso un percorso virtuoso che passa da una 'straordinaria' semplificazione dei procedimenti amministrativi, fino ad arrivare alla fiscalità di vantaggio. E' l'obiettivo principale della proposta di legge regionale "Regione facilissima per le imprese, misure a sostegno del sistema produttivo regionale", presentata oggi pomeriggio a Pescara dal presidente della giunta regionale Luciano D'Alfonso, in un incontro a cui hanno partecipato il presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti Abruzzo Tommaso Miele, il presidente del Tar Abruzzo Antonio Amicuzzi, il capo della polizia e direttore generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli, il vice presidente del Csm Giovanni Legnini. "Speditezza e velocizzazione - ha sottolineato D'Alfonso - vanno concepiti come elementi basilari dell'attività amministrativa della Regione, che rappresenta l'istituzione cui spetta farsi interprete delle vocazioni dei propri territori, favorendone l'effettiva competitività per lo sviluppo e la crescita delle diverse realtà. E siamo convinti che la semplificazione sia realmente l'autentico volano dell'economia non solo regionale, ma dell'intero Paese". Entrando nel dettaglio delle principali misure previste dal testo normativo - che unifica e armonizza le discipline europee, nazionali e regionali in tema di impresa -, la più importante è senza dubbio rappresentata dall'assistenza e tutoraggio alle imprese tramite la figura del 'Facilitatore d'impresa' che le assiste dall'avvio alla conclusione dei procedimenti promuovendo con gli Enti Locali, l'Azienda regionale delle attività produttive ARAP, le Camere di Commercio, industria, artigianato e agricoltura e con le Associazioni di imprese, conferenze operative, riunioni e colloqui istituzionali volti alla soluzione concreta di problemi riferiti ai processi autorizzatori; nella semplificazione dei procedimenti amministrativi a disciplina regionale riguardanti i settori produttivi con la previsione della Comunicazione Unica Regionale (CUR), ovvero una sorta di SCIA alleggerita; nella previsione di contratti di localizzazione e censimento delle aree industriali e di premialità per l?accesso ai fondi regionali, nazionali ed europei; nella riduzione della pressione fiscale a vantaggio della nuova occupazione; nella riorganizzazione delle autorizzazioni energetiche per mezzo della semplificazione degli adempimenti amministrativi richiesti per la costruzione, la modifica, il potenziamento, il rifacimento totale o parziale e l?'sercizio di impianti di auto-approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili; nell?incremento dell?occupabilità per l'inserimento e il reinserimento nel mondo del lavoro. "L'obiettivo che puntiamo a centrare è ambizioso - ha aggiunto il presidente della giunta regionale - e punta a creare una sorta di Regione a 'procedimento zero', in cui, alla ricezione dell'istanza dell'interessato (ovviamente corredata del relativo progetto e della necessaria documentazione richiesta dalla legge), segua immediatamente l'avvio dell'attività dell'impresa".

Redazione Independent

venerdì 16 dicembre 2016, 19:54

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
abruzzo
imprese abruzzo
regione facilissima
burocrazia
notizie
Cerca nel sito

Identity