Imprenditore spoltorese arrestato per ricettazione di rame rubato

Stamani il blitz dei carabinieri che hanno stroncato un sodalizio criminale dedito al furto ed alla ricettazione di oro rosso

Imprenditore spoltorese arrestato per ricettazione di rame rubato

OPERAZIONE "CEMENTO ROSSO": TRE ARRESTI. Un imprenditore di Spoltore di 50 anni è stato arrestato, questa mattina, ai domiciliari nel corso di un’operazione condotta dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pescara. Nel blitz sono finiti in manette anche due stranieri, di 31 e 30 anni, entrambi della Romania, con precedenti specifici e che adesso sono indagati, dalla Procura della Repubblica di Pescara, per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e alla ricettazione di rame nelle province di Pescara e Chieti.

L'INDAGINE SUI FURTI ALL'EX CEMENTIFICIO. L’indagine "Cemento Rosso" ha preso il via, nel mese di giugno 2016, a seguito di un controllo della pattuglia in servizio di perlustrazione; nella circostanza, alle 2.30, sono stati fermati tre romeni in via Raiale nei pressi dell’ex cementificio e, a seguito di perquisizione, sono stati rinvenuti arnesi atti allo scasso. La presenza degli attrezzi e le circostanze di tempo e di luogo non sono passate inosservate tant’è che i Carabinieri hanno deciso di avviare una complessa attività investigativa, protrattasi per circa tre mesi e condotta con l’ausilio d’intercettazioni telefoniche e video-ambientali, nonché con numerosi servizi di pedinamento. I militari hanno accertato l’esistenza di un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti consumati in aziende delle province di Pescara e l’Aquila.

LA RICETTAZIONE A MIGLIANICO. Il materiale rubato veniva, poi, ricettato dal titolare della ditta di smaltimento rifiuti non ancora ufficialmente attiva con sede a Miglianico; circostanza curiosa è da individuare nel fatto che il capannone utilizzato fosse lo stesso utilizzato per la ricettazione ed il riciclaggio di rame, illecita attività smascherata sempre dagli stessi Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara nell’ambito dell’ operazione Red Sky conclusa nel 2015 con 25 arresti.

IL MODUS OPERANDI DELLA BANDA. Singolare il modus operandi: i malviventi giungevano in tarda serata nei pressi dell’ex cementificio; l’autista, una volta scaricati i complici a poca distanza dalla ditta, rimaneva in attesa nascondendosi solitamente all’interno del parco posto di fronte alla porta carraia, fungendo da palo ed avvisando i complici, che nel frattempo erano intenti a tagliare e sguainare i cavi di rame dall’impianto elettrico, in caso il vigilante di turno entrasse per effettuare un controllo nei giri d’ispezione. Una volta asportati i cavi, questi venivano nascosti nell’area retrostante lo stabile in mezzo e sterpaglie, ben celati, per poi essere recuperati in un secondo tempo. La tecnica aveva lo scopo di evitare di poter incorrere in controlli, più facili in orario notturno, con la refurtiva appena asportata. Solo la mattina successiva recuperavano il rame, portandolo al capannone di Miglianico.

INCASTRATI DALLA TELECAMERA DEI CC. Monitorati, quindi, gli spostamenti della banda e individuato il luogo della ricettazione i Carabinieri, grazie all’installazione di una telecamera, sono riusciti a documentare lo scarico della refurtiva consegnata con puntualità svizzera, ricevendo pagamenti in contanti per quanto lasciato. Ridottissimi i contatti telefonici tra i romeni ed il ricettatore, che avevano ideato un sistema talmente collaudato da evitare qualsiasi tipo di comunicazione; tale espediente però non ha impedito ai militari di scoprire la procedura grazie ad una sola telefonata nella quale il chiamante, gli diceva che stava passando da quelle parti per caso ed avendo notato un capannone di rifiuti gli chiedeva se avesse una batteria. La telefonata ha subito destato l’attenzione dei militari in quanto se la conversazione fosse stata genuina il romeno non avrebbe potuto avere il numero di cellulare di uno sconosciuto.

IL BLITZ DEI MILITARI. Le incursioni al cementificio sono durate qualche settimana fino a quando i Carabinieri, accertato nel dettaglio il modus operandi, hanno deciso di intervenire. La notte del 19 settembre 2016, un equipaggio in borghese ha seguito a distanza la Mercedes con i 5 a bordo. Il mezzo, imboccato via Raiale in direzione Chieti, giunto in prossimità dello stabilimento ha lasciato quattro uomini, visti scavalcare il muro di cinta. A quel punto l’autista, si è allontanato, fungendo da palo mentre gli altri, come al solito, si sono messi al lavoro. Intorno alle 4.00, terminato di caricare il rame pulito dalle guaine di plastica, mentre stavano caricando l’oro rosso sulla macchina intanto ritornata sono stati bloccati dai militari della Compagnia di Pescara. Cinturata la zona, per i malfattori non c’è stata possibilità di fuga: ingente il bottino del furto; 47 matasse di rame per un peso complessivo di 560 kg e per un valore di mercato di circa 4000 euro.

Ancora maggiore il valore complessivo di quanto recuperato: circa 2 tonnellate di rame per un valore di circa 16.000 euro.

Sono in corso le ricerche di 3 romeni destinatari della misura cautelare ed al momento irreperibili.

Redazione Independent

mercoledì 05 aprile 2017, 15:02

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rame
rame rubato
cemento rosso
ex cementificio
via raiale
ultime notizie
carabinieri pescara
Cerca nel sito