Impianti Prati di Tivo, definito il contratto di gestione con la Siget

Il presidente della Provincia di Teramo, Renzo Di Sabatino: “Non posso che ringraziare gli operatori turistici e l’amministratore unico della Gran Sasso”

Impianti Prati di Tivo, definito il contratto di gestione con la Siget

IMPIANTI PRATI DI TIVO, DEFINITO IL CONTRATTO DI GESTIONE. Con una “assunzione di responsabilità notevole da entrambe le parti” è stato definito il contratto annuale di gestione degli impianti di risalita di Prati di Tivo. Appena c’è neve la cabinovia ripartirà anche quest’anno. A firmarlo sarà la Siget, capofila del costituendo ma non ancora formalizzato Consorzio di operatori del comprensorio teramano del Gran Sasso. Le condizioni concordate dalla società Gran Sasso e la Siget prevedono 100mila euro l’anno e una partecipazione agli utili del 10%   per incassi da 500mila euro in su.

“Non posso che ringraziare la Siget, gli operatori turistici e l’amministratore unico della Gran Sasso: se facciamo partire la stagione turistica nonostante i problemi annosi è merito loro – dichiara il presidente Renzo Di Sabatino  Non tutti se la sono sentita di assumersi la responsabilità di una scelta. Le amministrazioni separate, è nel loro diritto, non vogliono ridurre i canoni; la Camera di Commercio, come la Regione, non ha partecipato all’assemblea con la quale come soci abbiamo dato il via libera alla stipula del contratto. Non voglio entrare nel merito delle scelte degli altri ma questo è il momento di costruire insieme un percorso che ci porti ad assumere le necessarie e indispensabili scelte strategiche guardando non solo all’oggi ma al lungo periodo. Da socio di maggioranza mi sono assunto la responsabilità di non aumentare le perdite con una stagione chiusa. Subito dopo, però, ragioneremo insieme sul resto”.

Redazione Teramo

mercoledì 24 dicembre 2014, 13:37

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
prati
tivo
cronaca
teramo
disabatino
firme
Cerca nel sito