Il nodo trapianti di fegato

L'Italia è il terzo paese per le donazioni di organi (Francia e Spagna). Il Cpev e l'impegno per sconfiggere la piaga dell'epatite

Il nodo trapianti di fegato
“IL NODO TRAPIANTI DI FEGATO IN ITALIA - Quanto sia vivo e attuale in Italia il dibattito sulla donazione di organi e tessuti lo dimostra la recente pubblicità progresso: nell'ambito di questa campagna di sensibilizzazione e per una sempre maggiore presa di coscienza della società sull’importanza della donazione ad animare oggi le discussioni e aumentare il grado di partecipazione e coinvolgimento della collettività ci pensa anche il Copev (Comitato per la prevenzione dell’'epatite virale) che con il recente Convegno Nazionale della Federazione Liver-Pool “Nuove frontiere nella cura delle malattie del fegato" ha presentato l'attività di ciascun Centro Trapianti operante in Italia con tanto di statistiche e numero di trapianti effettuati, con i risultati ottenuti, tempi delle liste di attesa, e in generale, la capacità di soddisfare la lista di attesa e molte altre informazioni. 

TERZA NAZIONE PER LE DONAZIONI - L'Italia è la terza nazione in Europa per numero di donazioni dopo Spagna e Francia, ma è emerso pure “il divario tra alcune regioni del Nord e altre del Sud per quanto riguarda le donazioni” - afferma Luigi Rainero Fassati (direttore scientifico COPEV) che sottolinea “la scrupolosa e costante monitorizzazione eseguita giornalmente dal CNT su ogni singolo trapianto che viene eseguito in Italia, caratteristica che rappresenta la migliore garanzia di trasparenza e sicurezza”.

L'ASSOCIAZIONE COPEV - Copev è tra le prime associazione di volontariato nata in Italia nel campo della patologia epatica: "Era nata come Comitato nell'87 dopo la morte di mia figlia con lo scopo di rendere obbligatoria la vaccinazione dell'epatite virale B - dichiara il Presidente Ernesto Vitiello - e nel giro di pochi anni siamo riusciti a raggiungerlo: è stata, infatti, promulgata la legge 191, un traguardo importante dato che all'epoca di epatite virale B morivano almeno tremila persone l'anno, mentre adesso la si può considerare debellata. In seguito ci siamo trasformati in associazione mantenendo il nome". "Oggi - prosegue - la problematica maggiore è l'epatice C contro cui non esiste vaccino: tuttora in Italia vi sono due milioni di malati”".

Reda Inde

giovedì 12 luglio 2012, 12:18

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
donazione
organi
abruzzo
fegato
epatite
luigi raniero fassati
copev
ernesto vitiello
trapianti
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!