Il giudice: "Ecco perchè D'Ambrosio è stato condannato"

Rese note le motivazioni della sentenza, secondo cui l'auto dell'Ato sarebbe stata usata dall'ex presidente per impegni parlamentari: "L'utilizzo della vettura non può smentire la tesi del peculato"

Il giudice: "Ecco perchè D'Ambrosio è stato condannato"

PROCESSO ATO, LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA. "L'utilizzo della vettura Ato da parte del presidente, per poter assolvere i propri impegni di parlamentare, non vale a smentire la tesi del peculato, costituendo finalità palesemente estranea alle attività dell'Ato". È uno dei passaggi principali, contenuti nelle motivazioni della sentenza di condanna, emessa nello scorso giugno dal tribunale collegiale di Pescara a carico dell'ex presidente dell'Ato Giorgio D'Ambrosio, nell'ambito del processo al cosiddetto 'partito dell'acqua'.

LA CONDANNA. Giorgio D'Ambrosio è stato condannato a due anni e otto mesi per peculato, in relazione ai viaggi compiuti tra il 20 settembre 2006 e il 7 novembre 2007, utilizzando la macchina e il telepass in dotazione all'Ente.

"In ogni caso, ai fini della quantificazione della pena - scrive nelle motivazioni il giudice Rossana Villani - si apprezza l'opportunità di un contenimento della stessa in virtù della considerazione che l'uso delle vetture, come del telepass, per scopi estranei all'Ato, non avveniva per finalità biasimevoli o riprovevoli".

Redazione Pescara

venerdì 09 settembre 2016, 18:36

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pescara
cronaca
processi
tribunale
giorgiodambrosio
sentenza
condanna
Cerca nel sito