Il Delfino inverte la "cattiva strada": ma la svolta vera si conoscerà venerdì contro il Cesena

I biancazzurri di Oddo, bravo a mettere su una squadra piena di giovani, domina con qualche sbavatura ad Avellino. Lapadula re del gol con 21 perle

Il Delfino inverte la "cattiva strada": ma la svolta vera si conoscerà venerdì contro il Cesena

ILDELFINO FA IL "BIS" DELLE VITTORIE: DOPO IL COMO TOCCA ALL'AVELLINO CADERE CONTRO I BIANCOAZZURRI DI PESCARA. Il magico Delfino Pescara 1936 dopo nove partite no aggiunge ancora una vittoria, dopo quella contro il Como per 2-1, battendo a domicilio l'Avellino per 3-1.L'allenatore Massimo Oddo è stato bravissimo a mettere su una squadra piena di giovani che, nonostante qualche sbavatura pericolosa, ha completamente dominato la gara del Partenio con azioni importanti e reti splendide come quella di Caprari e Lapadula, sempre più Re del Gol con 21 "perle", e Mitrita abile ed astuto ad infilare l'estremo difensore campano. Sugli scudi anche il portiere Aresti che ha salvato il risultato in almeno 2 occasionissime. Adesso il Pescara è terzo in classifica in attesa degli scontri degli avversari che avverranno tra poco.C'è da dire, al di là di tutto e degli entusiasmi, che la prova vera di questo finale di stagione e che segnerà il futuro del soldalizio biancazzurro è la prossima gara che si giocherà venerdì all'Adriatico contro un ostico Cesena. Ancora una vittoria, sarebbe il tris, per continuare a sognare come la scorsa stagione ed agguantare quel sogno che si chiama Serie A e che è possibile se si gioca col cuore, per la città e la gloriosa maglia del Pescara.

TABELLINO: AVELLINO 1 PESCARA 3

Reti: 34' Caprari; st 5' Castaldo, 17' Lapadula, 30' Mitrita.

Avellino (4-4-2): Frattali; Pisano (dal 32' Pucino), Rea, Biraschi, Chiosa; Insigne, D'Angelo, Arini (dal 21' st Paghera), Visconti (dal 1' st Sbaffo); Mokulu, Castaldo. A disp.: Offredi, Nica, Tavano, Joao Silva, D’Attilio, Bastien. All.: Marcolin.

Pescara (4-3-2-1): Aresti; Vitturini, Fornasier, Mandragora, Ventola; Memushaj, Bruno, Verre (dal 40' st Selasi); Pasquato (dal 26' st Acosta), Caprari (dal 26' st Mitrita); Lapadula. A disp.: Fiorillo, Verde, Cocco, Diamoutene, Cappelluzzo, Milillo. All.: Oddo.

Arbitro: Davide Ghersini della sezione di Genova. Assistenti: Alessio Tolfo della sezione di Pordenone e Alfonso D’Apice della sezione di Parma. Quarto uomo: Manuel Robilotta della sezione di Sala Consilina.

Note: Ammoniti: Castaldo per simulazione; Pisano, Bruno, Acosta e Rea per gioco falloso. Angoli: 2-1. Recupero: pt 1'; st 4'.

 

Romanzo

sabato 09 aprile 2016, 13:15

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
delfino
pescara
oddo
avellino pescara
lapadula
venerdi
cesena
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano