La gara dei duemila Iromman

Fontana e Moeller più forti di tutto e tutti, anche del caldo. Problemi cardiaci per un 38enne di Montesillvano

La gara dei duemila Iromman

SPORT. I NUMERI DELL'IRONMAN - Daniel Fontana e Kristin Moeller, sono loro a salire sul gradino più alto del podio per la seconda edizione pescarese di IRONMAN 70.3 ITALY. Una gara caratterizzata dal grande pubblico presente sia nella zona partenza-arrivo posta sulla spiaggia antistante la Nave di Cascella, sia lungo tutto il percorso. Ma anche dal grande caldo, che ha reso tutte e tre le prove – soprattutto il ciclismo e la corsa – particolarmente ostiche.

DANIEL-FONTANA - L'italo-argentino Daniel Fontana ha dovuto prima respingere le offensive di Jonathan Ciavattella (atleta locale molto quotato, che però si è ritirato non appena indossate le scarpe da corsa a causa di un problema tendineo) e Ben Allen (crollato nella frazione finale e giunto molto provato al quinto posto), e poi si è potuto concedere un arrivo solitario davanti alla folla che ormai lo ha eletto a idolo pescarese. Alle sue spalle Alessandro Degasperi, secondo anche nella passata edizione; terzo un ottimo Paul Amey, inglese di origine neozelandese. Entrambi hanno tentato una clamorosa rimonta, non riuscita.

LA TEDESCA - La sorpresa di giornata è stata certamente – in campo femminile – la piccola (di statura) tedesca Kristin Moeller, che ha trionfato grazie a una frazione di corsa semplicemente straordinaria, visto che alla transizione ciclismo-corsa era passata addirittura al quarto posto. Vittoria meritatissima, soprattutto perché – pensate – la bicicletta della Moeller è arrivata solo ieri a causa di un disguido aereo! Secondo posto confermato – anche nel 2011 aveva sfiorato la vittoria – per la regolarissima altoatesina Edith Niederfriniger, terza invece l'inglese Joacqui Slack, alla sua prima partecipazione a un IRONMAN 70.3.

LE SQUADRE - Hanno gareggiato anche le squadre a staffetta: il primo posto se lo è aggiudicato una formazione italiana, nello specifico pescarese, denominata Dream Team e composta da Luke Morini (nuoto), Luigi Paolini (ciclismo) e Giovanni Auciello (corsa), con il crono di 4h11'04”.

I NUMERI - Duemila i concorrenti da 50 paesi del mondo, oltre cinquemila accompagnatori, pubblico e indotto incalcolabili: IRONMAN 70.3 ITALY è stato un successo, lo dicono gli organizzatori di We Can Sport Events ma lo dicono anche i commenti della gente normale che ha voluto assistere a uno spettacolo unico. Per la cronaca, durante la frazione di nuoto si è registrato anche un incidente, occorso al 38enne L.C. residente a Montesilvano (Pe), che ha subito un arresto cardiocircolatorio. Prontamente soccorso dalle moto d'acqua e altrettanto prontamente trattato dallo staff sanitario (diretto dal dottor Emanuele Cherubini), L.C. È stato portato all'ospedale di Pescara dove è ricoverato nel reparto di rianimazione. Le sue condizioni sono stabili e i medici si sono detti ottimisti.

domenica 10 giugno 2012, 22:26

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
ironman
montesilvano
incidente
fontana
moeller
vincitori
atleti
gara
luigi paolini
giovanni auciello
corsa
luke morini
emanuele cherubini
rianimazione
medici
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!