I Casalesi: «No all'impianto di trattamento dei rifiuti»

Casalincontrada. Un movimento civico contro l'impianto da 105mila tonnellate di rifiuti solidi urbani e spaciali

I Casalesi: «No all'impianto di trattamento dei rifiuti»

CASALINCONTRADA: «NO ALL'IMPIANTO DI TRATTAMENTO DI RIFIUTI». Affollata assemblea pubblica in piazza a Casalincontrada promosso dal “Movimento Comune Amico” per dire "No" alla costruzione del mega-impianto di trattamento rifiuti speciali.

Insieme ad un centinaio di cittadini erano presenti esponenti della attuale amministrazione Di Luzio (il vice sindaco D’arcangelo e l’assessore Zappacosta), l’ex sindaco Anselmo Zuccarini, il responsabile UDC, Peppino Di Meo, il neo segretario del PD, Ramona Massa e Marcello Scurci del Comitato Ambiente e Territorio di Brecciarola di Chieti.

Ad opporsi al progetto gli anmatori del Movimento Comune Amico, che presenteranno la lista alle elezioni di primavera 2014: Federica Montanaro (coordinatrice del Movimento) Claudio Di Rocco, Andrea Donantangelo e Giorgio Di Rocco.

Il grande impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e speciali ha la potenzialità di 105.000 t/annuo in ingresso. E' costituito da un enorme capannone di 12.000 mq di superfice per una altezza di 11 m. da realizzare sulle bellissime ed incontaminate colline di Casalincontrada in località Colle Petrano/Brecciarola. Il Comitato Regionale di V.A., dopo aver nel 2011 bocciato la richiesta e nel 2012 prescritto la necessità di sottoporre il progetto a V.I.A. lo scorso 20.11.2013, ha approvato con prescrizione la nuova richiesta di non assoggettamento a VIA, del nuovo progetto che presenta piccole modifiche rispetto a quello iniziale.

Redazione Independent

 

martedì 03 dicembre 2013, 17:23

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
casalincontrada
impianto
rifiuti
solidi
trattamento
colle petrano
Cerca nel sito