Giustizia per le vittime

Sentenza crollo Casa dello Studente. Quattro anni di reclusione agli imputati e interdizione dai pubblici uffici

Giustizia per le vittime

SENTENZA CROLLO CASA STUDENTE. CONDANNATI A 4 ANNI. Quattro anni di reclusione per il responsabile del collaudo ed i ristrutturatori, oltre all'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. E' questo il verdetto di primo grado emesso dal giudice Grieco del tribunale di L'Aquila, che ha accolto le richieste del pubblico ministero Picutiin merito alla inchiesta post-sisma sul luogo simbolo del terremoto 6 aprile 2009. Nel crollo della "Casa dello studente" morirono otto studenti universitari. Oggi in aula sono state riconosciute le responsabilità di coloro che effettuarono lavori di ristrutturazione alla fine degli anni '90 su un edificio che presentava già problemi strutturali dovuti ad errori nella progettazione. Ai familiari è stata riconosciuta una previsionale di circa 2milioni di euro. «Ora possono riposare in pace», ha detto una parente di una della vittime nella commozione generale. 

CONDANNATI E ASSOLTI. Quattro anni a Bernardino Pace, Tancredi  Rossicone e Pietro Centofanti. Due anni e 6 mesi al presidente della commissione collaudo Pietro Sebastiani. Non luogo a procedere per due imputati, mentre c'è stata l'assoluzione per altri quattro, Stralciata la posizione del 93enne costruttore Claudio Botta

LE VITE SPEZZATE. Nel crollo della Casa dello Studente sono rimasti uccisi Luca LunariMarco AlvianiLuciana CapuanoDavide Centofanti, Angela Cruciano, Francesco Esposito, Hussein «Michelone» Hamade e Alessio Di Simone

twitter@subdirettore

sabato 16 febbraio 2013, 18:19

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
casa studente
sentenza
vittime
bernardino pace
tancredi rossicone
pietro centofanti
luca lunari
marco alviani
luciana capuano
dabvide centofanti
angela cruciano
grieco
giudice
picuti
alessio di simone
Cerca nel sito

Identity