Gioco illecito online, difensori chiedono giustizia per Caporaletti

Ai domiciliari il 38enne imprenditore rosetano coinvolto nell'operazione ‘Gambling’. Sequestrate le due agenzie di scommesse riconducibili a lui

Gioco illecito online, difensori chiedono giustizia per Caporaletti
ROSETO.I DIFENSORI DI CARLETTI CHIEDONO GIUSTIZIA. “Riteniamo assolutamente lesiva l'espressione utilizzata nell'articolo "Ndrangheta e gioco un arresto a Roseto", giacchè generalizzata e non riferibile personalmente al nostro assistito e dunque pregiudizievole per il ruolo e la professionalità dello stesso, nei confronti del quale non si sta procedendo per il reato di associazione di tipo mafioso. Evidenziamo la carenza di elementi indiziari a suo carico, coinvolto esclusivamente per aver sottoscritto dei contratti di collaborazione commerciale con l’azienda ritenuta affiliata alla cosca Tegano. Ricordiamo che ITALIA GAME SRL lavora da anni per i concessionari di Stato Italiani senza mai essere stata coinvolta in alcun procedimento, neppure di natura amministrativa. E’ un’azienda che produce software e soluzioni di gioco e solo per questo è nel mirino degli investigatori. Tutto ciò appare eccessivo dovendo, per gli stessi motivi e ragionando per assurdo, essere indagate Microsoft per aver fornito windows e Telecom per aver fornito le linee telefoniche. Siamo sicuri dell’assoluta estraneità di Luca Caporaletti in relazione all’intera vicenda e auspichiamo che i Media non diano più spazio a queste notizie tese unicamente a fare clamore, lasciandoci operare nella sede giudiziaria ove dimostreremo l’assoluta infondatezza, capziosità ed ingiustizia delle pesanti accuse rivolte nei confronti del nostro assistito. Riteniamo inammissibile che un magistrato esponga al pubblico ludibrio gli indiziati di reato (allo stato "non colpevoli") solo per soddisfare evidenti esigenze di notorietà ed esaltazione del proprio operato in spregio di ogni diritto costituzionale alla difesa e alla riservatezza, alla ricerca di un giudizio e di un'approvazione mediatica, che determinerà probabilmente i difensori alla valutazione di una richiesta di spostamento del processo per incompatibilità ambientale e alla richiesta di intervento del Garante Privacy per limitare le comunicazioni della Procura alle reali esigenze investigative e di cronaca. Pertanto, esprimiamo fermo disappunto sulla comunicazione del nominativo nonché pubblicazione della foto, per le quali stiamo interessando il Garante della Privacy perché assuma gli opportuni provvedimenti”. Così gli avvocati Lorenza Croce e Gianluca Pomante, in qualità di difensori di fiducia del sig. Luca Caporaletti, in merito all'articolo  in primo piano su IL CENTRO intitolato "NDRANGHETA E GIOCO, UN ARRESTO A ROSETO", nonché a tutti gli articoli apparsi sui siti media web.
 
Redazione Independent

sabato 25 luglio 2015, 09:33

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
luca caporaletti
lorenza croce
gianluca pomante
arresto
roseto
ndrangheta
gioco
Cerca nel sito