Gambizzato per 30mila euro?

Agguato in viale Primo Vere. Il commerciante pescarese è sotto processo in tribunale a Pescara

Gambizzato per 30mila euro?

KILLER IN AZIONE IN VIALE PRIMO VERE.  Fabrizio Grimani, l'ambulante pescarese di 40 anni, ferito con un colpo di pistola alla gamba giovedì scorso in viale Primo Vere, tra Pescara e Francavilla è sotto processo, per direttissima, nel tribunale di Pescara. L'uomo era finito ai domiciliari dopo che in Questura se l'era presa con un agente di polizia perchè una persona era stata sentita come persona informata dei fatti. Secondo gli inquirenti - le indagini sono affidate alla Squadra Mobile - il Grimani non starebbe collaborando con le forze di polizia. La pista più accreditata resta quella dell'avvertimento legato ad un debito, forse una somma di circa 30mila euro maturata nell'ambito della precedente attività lavorativa svolta dalla vittima dell'aggressione. Ma dietro l'aggressione potrebbe anche esserci l'ombra dell'usura, una delle piste che gli uomini di Pierfrancesco Muriana stanno seguendo.

Redazione Independent 

lunedì 22 aprile 2013, 11:06

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
grimani
processo
debito
sparatoria
viale primo vere
Cerca nel sito

Identity