False malattie veneree: il Tribunale di Pescara dichiara la prescrizione

Nel mirino dei giudici le diagnosi ai pazienti del laboratorio 'Salus Pescara' finite anche sul Tg satirico di canale 5 Striscia La Notizia

False malattie veneree: il Tribunale di Pescara dichiara la prescrizione

FALSE MALATTIE VENEREE: IL TRIBUNALE METTE LA PAROLA FINE CON LA PRESCRIZIONE. La prescrizione mette la parola fine alla vicenda sulle false malattie veneree che sarebbero state diagnosticate ai pazienti del laboratorio d'analisi "Salus Pescara", che richiamo' l'attenzione anche del tg satirico di Canale 5 "Striscia la notizia". Il Tribunale collegiale di Pescara, presieduto dal giudice Antonella Di Carlo, ha infatti dichiarato prescritti i reati di truffa, esercizio abusivo della professione e falsita' materiale a carico di Gilberto Del Boccio, 69 anni, responsabile del laboratorio d'analisi. L'imputato, inoltre, e' stato assolto dall'accusa di violenza sessuale nei confronti di una paziente perche' il fatto non sussiste. Nella vicenda delle false malattie veneree era coinvolto anche un ginecologo, Paolo Visci, accusato pero' solo di truffa perche', secondo l'accusa, avrebbe invitato alcuni suoi pazienti a effettuare le analisi presso il laboratorio Salus, circostanza che sarebbe stata smentita dai testimoni durante il processo. Anche per lui il Tribunale ha dichiarato prescritto il reato. La vicenda risale al 2006. Secondo l'accusa, alle clienti del laboratorio veniva fatto credere di avere la clamidia e di doversi sottoporre a una serie di analisi specifiche, dal costo variabile tra i 230 e i 1720 euro, per un riscontro della diagnosi iniziale e poi degli effetti della terapia farmacologica.

Redazione Independent

mercoledì 22 aprile 2015, 18:48

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
malattie veneree
laboratorio salus
striscia la notizia
gilberto del boccio
paolo visci
Cerca nel sito