Sulmona: minacciate le candidate a sostegno di Bruno Di Masci

Clima sempre più teso nella campagna elettorale in vista delle comunali nel capoluogo ovidiano. L'intervento dei capilista de "La città che vogliamo"

Sulmona: minacciate le candidate a sostegno di Bruno Di Masci

CLIMA SEMPRE PIU' TESO ALLE COMUNALI DI SULMONA. I capilista del raggruppamento civico "La citta' che vogliamo", Fabio Ranalli, Luciano Marinucci, Giovanni Salutari, Guerino Mangiarelli, Enea Di Ianni, Brahim Soshi, Donato Di Cesare ed Eligio Bevilacqua, esprimono piena solidarieta' alla candidata Claudia Pietrosanti, fatta oggetto di minaccia a causa della sua presenza nelle liste di questo raggruppamento, a sostegno del candidato sindaco di Sulmona Bruno Di Masci. Stessa solidarieta' esprimono ad un'altra candidata che nelle ultime ore e' stata raggiunta da minacce telefoniche. Ogni episodio intanto e' stato gia' segnalato alle competenti autorita'.

CAPILISTA SDEGNATI. I capilista si dicono "sdegnati da questi gesti ignobili, con cui si tenta di inquinare il clima della campagna elettorale appena iniziata, mai avvenuti nella nostra citta', sodalizio di nobile storia che a buon diritto vanta onori e serieta' inseriti in una solida tradizione democratica e civile mai messa in discussione. Da questo momento in poi i rappresentanti delle otto liste, interpretando anche i sentimenti del candidato sindaco, auspicano un sincero sforzo corale di tutti i protagonisti di queste elezioni per maturare un dialogo franco, leale e costruttivo tra tutti i candidati in campo e vivere una campagna elettorale serena e seria, alla ricerca delle soluzioni migliori per il bene comune". 

Gli Indipendenti

mercoledì 11 maggio 2016, 07:21

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
proteste
sanita
sulmona
lacivita
regione
abruzzo
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?