Ecco Shaw! Altro californiano per Chieti

Dopo Glover Proger contrattualizza l'ala-forte, 25 anni, ex UNLV. Intanto Raschi si accorda con le Furie per il terzo anno

Ecco Shaw! Altro californiano per Chieti

ARRIVA MATT SHAW. ALTRO CALIFORNIANO PER LA PALLACANESTRO CHIETI. La Proger Chieti userà il secondo visto extracomunitario a sua disposizione per mettere sotto contratto il californiano Matt Shaw. L’accordo con il venticinquenne statunitense è stato siglato la notte scorsa dalle parti. Shaw gioca nella posizione di ala-forte, è alto 204 centimetri per 108 chilogrammi di peso ed è uscito tre stagioni fa dall’Università del Nevada di Las Vegas, con la quale ha disputato la carriera NCAA. 

MARZOLI: "FORTE SIA FRONTE CHE SPALLE A CANESTRO". “Stavamo cercando un giocatore – riferisce coach Marzoli dopo la firma dell’americano – che avesse già esperienza europea e che sapesse giocare bene sia fronte che spalle a canestro. Tra i tantissimi filmati che abbiamo visionato in questi giorni, Matt era quello più adatto alle nostre possibilità che avesse tutte queste caratteristiche. Con l’innesto di un 4-5 come Matt, possiamo dire che il nostro quintetto è completo”.

ANDREA RASCHI RESTA A CHIETI. Andrea Raschi firma e resta biancorosso per il 3° anno consecutivo. La Proger Chieti comunica con soddisfazione che è stato raggiunto un nuovo accordo con l’ala Andrea Raschi (200 cm), che dunque vestirà la maglia biancorossa anche per la stagione 2013/2014. Il trentaquattrenne sanmarinese è alla terza stagione consecutiva con le Furie, dopo
l’esperienza del 2010/2011 a Bisceglie in A Dilettanti (30 presenze, 32.0 minuti 13.8 punti e 4.5 rimbalzi). 


Redazione Independent

lunedì 12 agosto 2013, 12:09

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
matt show
glover
marzoli
proger
basket
chieti
notizie
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?