Dimessi studenti intossicati

Il Viaggio al Vinitaly si trasforma in incubo per 17 iscritti all'Università di Teramo. Sulla vicenda indagano Nas e Asl

Dimessi studenti intossicati

STANNO RIENTRANDO A TERAMO GLI STUDENTI  INTOSSICATI AL VINITALY. Sono stati dimessi e stanno bene i 17 ragazzi della Facoltà di Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali ricoverati in 4 ospedali del bresciano e veronese (Gavardo, Desenzano, Montichiari e Peschiera) a seguito di un’intossicazione alimentare durante la visita a un’azienda vitivinicola della Franciacorta, accompagnati dal professor Giuseppe Arfelli, presidente del Corso di laurea in Viticoltura ed enologia. La tappa all’azienda del Garda rientrava nel progetto formativo in occasione del viaggio didattico organizzato dalla Facoltà di Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali per il Vinitaly. «Il pullman con i 51 studenti – ha reso noto il preside di Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali Dario Compagnone ‒ è ripartito questa mattina da Sirmione e lo aspettiamo in serata a Mosciano Sant’Angelo. Ho seguito direttamente gli sviluppi della vicenda e ho parlato con i miei studenti che, fortunatamente, stanno tutti bene. Aspetto che i Nas, le Asl di Brescia, Mantova e Verona, oltre all’Ufficio Igiene di Salò, ci comunichino quanto prima i risultati delle analisi che sono state immediatamente effettuate, per comprendere che cosa sia effettivamente accaduto e predisporre le azioni conseguenti a tutela dei nostri studenti. Sono molto contrariato oltre che dispiaciuto – ha concluso Compagnone ‒ che i ragazzi non abbiano potuto completare un progetto formativo che ogni anno, in occasione del Vinitaly, ha permesso ai nostri studenti di acquisire competenze fondamentali per la loro professionalità e di prendere contatti con aziende di settore tra le più prestigiose in Italia e nel mondo».

Redazione Independent

Redazione Independent

giovedì 11 aprile 2013, 16:04

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
studenti
azienda
franciacorta
inossicati
ospedale
teramo
universit
Cerca nel sito

Identity