Di Mattia against ovvietà

Polemica sulla costituzione del Comune nel processo sulle presunte tangenti nel Comune di Montesilvano

Di Mattia against ovvietà

MONTESILVANO. DI MATTIA: BASTA DISCUTERE DI OVVIETA'. "Basta discutere di ovvietà, la gente non ne può più. E’ fuori discussione che il Comune debba costituirsi parte civile nei processi,come atto dovuto, a prescindere dal fatto che i colpevoli o presunti tali siano espressione del centrosinistra o del centrodestra. E’ ovvio, dunque che né ritiro la costituzione nel processo che riguarda esponenti del centrosinistra, né rinuncio alla presentazione della costituzione in quelli che riguardano persone di centrodestra. Mi auguro, con questo, di aver chiarito, ogni questione e che da domani in Consiglio si torni a discutere di lavoro, sicurezza, economia, tasse, sociale, insomma di tutti i problemi che stanno a cuore ai cittadini che ci hanno eletti non per stabilire chi è più colpevole tra Cordoma e Cantagallo, ma per andare oltre ed avere altre e nuove opportunità per il futuro della nostra città". Lo ha detto il sindaco di Montesilvano Attilio Di Mattia per spegnere le polemiche sollevate dal consigliere di opposizione Francesco Maragno.

Reda Inde

lunedì 08 ottobre 2012, 15:53

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
francesco maragno
parte civile
processo
cantagallo
cordoma
tangenti
comune
montesivano
notizie
di mattia
sindaco
Cerca nel sito