Davide Rosci, l'indignado teramano presenta il suo libro

Si chiama "Una tranquilla cittadina di paura" la storia narrata dal giovane teramano condannato a sei anni di reclusione per gli scontri di Roma

Davide Rosci, l'indignado teramano presenta il suo libro

PRESENTAZIONE LIBRO “UNA TRANQUILLA CITTADINA DI PAURA”. "Oggi viene presentato il libro che il Presidente Vincenzo Misuraca mi ha dato la possibilità di scrivere insieme a lui e vediamo se questo racconto piacerà al pubblico; devo fare una premessa e dire che è stato scritto tutto da Enzo, io ho dato solo un mio piccolo contributo cercando di suggerire alcuni particolari con l’intento di dare un tocco più realistico alla storia narrata e credo di esserci riuscito. E’ stata per me un’inedita oltre che una bellissima esperienza e voglio ringraziare Enzo che coinvolgendomi ha fatto sì che la mia reclusione sia stata per diversi mesi meno dura. Le bozze che inviava a Viterbo riempivano intere giornate altrimenti passate a non fare nulla e, nel rispondergli, annotando le mie rettifiche, riuscivo ad evadere da quelle quattro mura immergendomi nella trama".  Queste le parole di Davide Rosci, 34 anni, condannato a sei anni di reclusione per gli scontri dell'ottobre 2011, avvenuti a Roma, durante la giornata dell'indignazione.

"Oltre a ringraziarlo - continua il potagonista - devo però anche porgergli le mie scuse visto che l’ho trascinato fin dentro il carcere quando sono riuscito ad ottenere il permesso per farlo entrare ai colloqui al fine di definire gli ultimi accorgimenti. Scusami Presidè dello schifo che i tuoi occhi hanno dovuto vedere, ma era diventato ormai troppo difficile confrontarsi tramite le lettere o attraverso i “pizzini”, che uscivano di nascosto ai colloqui, e tu ne sai qualcosa. Ora - aggiunge - sarà la critica dei teramani a dirci se abbiamo appassionato o annoiato il lettore, resta comunque il fatto che questo thriller contribuirà sicuramente a mantenere vivo il dibattito sul Nostro glorioso stadio comunale che, grazie agli ultras del Teramo ed ai cinquemila firmatari della mobilitazione referendaria, è stato sottratto ad una speculazione edilizia epocale. Per me questo aspetto vale tutto soprattutto alla luce della riconferma di colui che ostinatamente non capisce il valore storico e sportivo della casa naturale del Teramo Calcio".

Nel libro viene sfiorato anche il tema “ultras” che, come spiega Rosci, "meriterebbe sicuramente uno spazio maggiore, se non un libro a sè, e spero che con queste poche righe riusciremo ad alimentare un sana riflessione verso un mondo troppo spesso criminalizzato senza una benché minima conoscenza dello stesso".

Redazione Independent

sabato 14 giugno 2014, 08:26

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
davide rosci
libro
titolo
una tranquilla cittadina di paura
vincenzo misurarca
condannato
teramo
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?