Da Expo ai territori: dieci itinerari alla scoperta dell'Abruzzo selvaggio

I saperi del Parco a disposizione dei turisti con l'obiettivo di sostenere le eccellenze enogastronomiche del territorio

Da Expo ai territori: dieci itinerari alla scoperta dell'Abruzzo selvaggio

Imboccare la strada che conduce ad un caseificio, un laboratorio o un punto vendita aziendale, per i turisti può essere un'esperienza preziosa, quasi unica. Per questo il Parco, che con i suoi tecnici ha innumerevoli volte varcato la soglia di produttori, allevatori e trasformatori, al fine di conoscerne e valorizzarne i prodotti, i saperi e l'esperienza, ha messo a punto dieci itinerari enogastronomici, che dalla vetrina dell'Expo, in cui sono stati presentati, riverberano il loro effetto sui territori, con l'obiettivo di sostenere le aziende impegnate a mantenere la qualità originaria dei loro prodotti, contribuendo al mantenimento dell'economia locale e alla difesa dei territori montani dall'abbandono.

Questi gli itinerari: “Acque cristalline e vini di montagna” (da Bussi sul Tirino a Ofena); “Su e giù per la Baronia, tra pascoli e coltivi” (percorso ad anello da e per Barisciano passando per Santo Stefano di Sessanio e Castel del Monte); “Verso l'Amatriciana (Paganica - Campotosto - Amatrice); “Alto Aterno: cereali, legumi e tradizioni antiche” (dall'Aquila a Capitignano); “Sulla via del Sale: i casari, i norcini dei castagneti” (da Accumoli ad Acquasanta Terme); “Terre di Mezzo: porchetta, vino e tartufi” (Teramo - Paterno di Campli - Civitella del Tronto - Macchia da sole); “La Statale 80: non solo sapore norcino” (da Arischia a Montorio al Vomano); “Dai Mendoza ai Signori della Ceramica: tra sapori forti e dolci” (da Montorio al Vomano a Castelli); “I Profumi del Bosco” (da Teramo al Ceppo e/o da Montorio al Vomano a Crognaleto); “I trappeti delle Abbazie” (da Castiglione a Casauria a Farindola).

“Realizzare percorsi enogastronomici in questo Parco – spiegano i tecnici del Servizio Agro Silvo Pastorale dell'Ente, che li hanno messi a punto - non è stata cosa semplice. Alla particolarità dell'orografia di questa parte di Appennino si aggiunge infatti la straordinaria ricchezza di un'area protetta che, ad ogni scorcio o paesaggio, restitusce un'altrettanto ricca varietà agroalimentare ed eno-gastronomica. Gli itinerari proposti delineano dunque delle direttrici di viaggio, una mappa del gusto da adattare ed integrare strada facendo.

Per saperne di più, consultare i percordi sul sito del Parco www.gransassolagapark.it. 

Redazione Independent

venerdì 07 agosto 2015, 13:32

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
expo
territori
abruzzo
itinerari
eccellenze
bussi sul tirino
ofena
stefano di sessanio
castel del monte
paganica
campotosto
civitella del tronto
montorio al vomano
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?