D'Alessandro (PD): "Adriatico non idoneo a ricerca idrocarburi"

Il Ministro degli Esteri della Croazia chiude la porta alle multinazionali dell'energia. Adesso tocca al Governo Italiano fermare le lobby del fossile

D'Alessandro (PD): "Adriatico non idoneo a ricerca idrocarburi"

D'ALESSANDRO (PD): "L’ADRIATICO NON SI PRESTA A RICERCA IDROCARBURI". “Una delle grandi questioni che la Regione Abruzzo porrà alle consorelle della Macroregione adriatico-ionica sarà la difesa del mare blu e l’uso comune dell’Adriatico che, per le sue caratteristiche di bacino chiuso, non si presta allo sfruttamento per la ricerca e la coltivazione degli idrocarburi”. E’ quanto afferma il coordinatore della maggioranza in Consiglio regionale, Camillo D’Alessandro, in merito alle dichiarazioni odierne rese dal Ministero degli Esteri croato a proposito delle trivellazioni in mare. Da Zagabria avevano smentito la notizia secondo cui la Croazia avrebbe rinunciato o sospeso i progetti di ricerca di petrolio e di gas, spiegando che “la ricerca e lo sfruttamento degli idrocarburi in Adriatico non è sospesa, ma è stata solamente, per ora, rinviata la firma dei contratti per le concessioni” a dopo le elezioni, che si svolgeranno l’8 novembre. “Il pronunciamento interinale del governo croato – osserva D’Alessandro – concede un lasso di tempo per attivare una riflessione ulteriore. Puntiamo a far sviluppare un dibattito nei territori che si affacciano sull’Adriatico per indurli a capire che le trivellazioni non sono una soluzione praticabile. In ogni caso, siamo fieri del fatto che questo tema sia stato posto sotto i riflettori dell’opinione pubblica internazionale dalla Regione Abruzzo”.

 

Redazione Independent

venerdì 30 ottobre 2015, 18:19

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
camillo d\'alessandro
trivelle
adriatico
consigliere regionale
abruzzo
croazia
Cerca nel sito