Cucine moderne: 5 consigli per usare bene i colori

Creare contrasti, trovare il giusto equilibrio, scegliere una soluzione monocromatica o spazio ai colori? Alcune idee interessanti in questa guida

Cucine moderne: 5 consigli per usare bene i colori

CUCINE MODERNE: 5 CONSIGLI PER USARE BENE I COLORI. Le cucine moderne, dal design semplice ed elegante, spesso sono una vera e propria lavagna bianca che non aspetta altro di essere impreziosita da particolari colorati e allegri.


Per chi è alla ricerca di idee per utilizzare al meglio i colori e gli accessori per renderla più vivace, questa guida è sicuramente un ottimo punto di partenza. 

Per l’acquisto di accessori e piccoli elettrodomestici, si può visitare la pagina dedicata agli accessori da cucina di design in promozione sul sito di AGOF StoreQuesto negozio online, offre uno dei cataloghi più ampi per chi è alla ricerca di oggetti di design per arredare la propria cucina e la casa.

Utilizzate questi consigli, per creare un progetto che porti la cucina a diventare una vera e propria opera d’arte dove cucinare e vivere emozioni.

1: Create contrasti

Creare contrasti tra colore, bianco e nero è una delle prima cose da prendere in considerazione quando si vuole vivacizzare una cucina moderna. Gli elettrodomestici, i piani di lavoro e l’illuminazione possono essere utilizzati per creare profondità e aggiungere contrasto alle tinte tenui che spesso sono presenti nelle cucine moderne.

È bene ricordare che non tutte le superfici devono essere diverse, poiché questo potrebbe portare a una serie di problematiche. Prima fra tutte, quella di creare troppi contrasti che tenderanno alla confusione. Anche se si vuole creare un contrasto nella propria cucina, l’ordine e il buon gusto non devono mai mancare.

2: Trovare il giusto equilibrio

Poiché i colori e i contrasti possono essere le caratteristiche che maggiormente daranno vita alla cucina, è bene farlo ma tenendo a mente che è necessario trovare il giusto equilibrio. Come in tutte le cose.

Quando si vuole trovare un equilibrio nell’arredare una stanza, è bene pensare al colore primario che la contraddistingue. Questo colore dovrebbe occupare ipoteticamente circa il 70% della stanza. Il restante 30%, deve essere occupato da un colore più deciso (per circa il 10% dello spazio) e da un colore che si accosti bene cromaticamente agli altri due colori (per il restante 20%). È bene ricordare, che queste percentuali non sono delle regole fisse che non si possono stravolgere a proprio piacimento.

Prima di prendere la decisione su quali sono i colori e come utilizzarli, è bene pensare anche al posto dove andranno ad “essere collocati”. Non sempre, il colore più deciso deve stare per forza di cose in bella mostra. Magari, può essere rilegato in una parte della stanza poco visibile ma riuscire lo stesso a ritagliarsi il suo posto nella stanza. Per aiutarsi, si può utilizzare un programma di ritocco fotografico o una delle applicazioni che si possono trovare online per progettare l’arredamento di una cucina o di una casa.

3: Scegliere una soluzione monocromatica

Se tra le proprie preferenze c’è un colore in particolare, può essere una buona idea scegliere di personalizzare la cucina con una soluzione monocromatica.

Il blu, il giallo e il verde – in tutte le loro sfaccettature – negli ultimi anni sono tornati a rivivere una seconda giovinezza. Colori che per molti anni erano stati banditi dalle cucine di tutto il mondo, ora tornano preponetemene ad essere gli indiscussi padroni di casa.

Anche in questo caso il contrasto è la chiave di volta per creare una combinazione che risulti essere gradevole e allo stesso tempo non appesantisca il colpo d’occhio di chi entra per la prima volta nella cucina. Tinte opache, superfici riflettenti e piastrelle possono essere degli escamotage che offrono una più ampia scelta di possibilità.

4: Spazio ai colori

Al contrario di quello che è appena stato detto, sono sempre di più le persone che prendono la decisione di azzardare con i colori e di inserirne molti all’interno della loro cucina. Anche se questi abbinamenti di colore sono pochi tradizionali, ma sono perfetti in una cucina moderna, se fatti con gusto permettono di creare un progetto soddisfacente sotto tutti i punti di vista.

Colori come il blu, l’arancione, il viola e il giallo possono vivere in perfetta simbiosi. Anche se non si vuole disporre i colori con una percentuale 70/30, facendo molta attenzione a dove si utilizzeranno si riuscirà ad ottenere un risultato omogeneo e che non stona in nessuna sua parte.

5: Scegli oggetti dalle rifiniture riflettenti

Acciaio, ottone lucidato e il bronzo sono materiali che si possono inserire in modo divino in una cucina moderna di qualsiasi colore. Le caratteristiche di questi materiali, che si possono plasmare e quindi utilizzare in vari modi, permettono alla cucina di beneficiare dei loro colori e riflessi senza grossi problemi.

Come si è visto da questa guida, imprimere il proprio gusto in una cucina moderna non è troppo difficile. Per farlo nel modo corretto, oltre naturalmente a farsi consigliare da un professionista, è sempre bene farlo cercando di non osare troppo. Una soluzione tenue, può essere sicuramente una scelta che potrà essere piacevole anche con il passare degli anni. Al contrario di una scelta azzardata, dai forti contrasti e dai molti colori, che potrebbe diventare noiosa anche dopo poco tempo.

 Redazione Independent

martedì 25 agosto 2020, 12:06

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
cucine
moderne
consigli
colori
design
accessori
Cerca nel sito