Criminalità: la questura di Teramo registra un calo di furti e rapine

In lieve aumento, invece, le estorsioni. E' il risultato del report stilato in ordine alle attività anticrimine condotte dalla polizia sul territorio

Criminalità: la questura di Teramo registra un calo di furti e rapine

CRIMINALI TERAMO: CALA TUTTO. Calano furti, rapine e omicidi, lieve aumento delle estorsioni. E' il risultato del report stilato dalla questura di Teramo in ordine alle attivita' anticrimine condotte dalla polizia sul territorio. I dati sono stati presentati stamane dal questore, Giovanni Febo, e dal capo di gabinetto, Mimmo De Carolis.

FURTI E RAPINE. Nel dettaglio, i furti passano da 6895 (2013) a 6440 (2014) segnando un - 6.5%. Le rapine da 115 (2013) a 74 (2014) cioe' -37%. Le violenze sessuali denunciate si attestano a 19 casi al pari del 2013, le estorsioni passano da 27 casi a 41 con un +5%.

DROGA. Sono poco piu' di 15 i chili di droga sequestrata, 5878 permessi e carte di soggiorno rilasciati, 9132 le violazioni amministrative al Codice della strada. Inoltre, sono 84 le persone arrestate e 628 quelle denunciate. Molta e' stata l'attivita' di prevenzione attraverso gli incontri scolastici e di controllo antidroga alla guida sulle strade.

LE OPERAZIONI. Fra le operazioni piu' massicce, si ricordano il sequestro di 23 appartamenti sulla costa nord teramana per il fenomeno della prostituzione con diversi denunciati, il sequestro di beni immobili e finanziari a un malavitoso campano che aveva interessi nel campo dello spaccio di droga per 150mila euro e di un albanese latitante accusato di tentato omicidio.

Redazione Teramo

venerdì 02 gennaio 2015, 15:26

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
teramo
cronaca
polizia
questura
operazioni
arresti
furti
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?