Cratere. Sindaci vs Politica

Mancano 8 miliardi per la ricostruzione. La protesta: «Vogliamo certezze o siamo pronti a dimetterci»

Cratere. Sindaci vs Politica

CRATERE. SINDACI VS. POLITICA – Duro confronto questa mattina a L'Aquila tra i sindaci del "cratere sismico" e la classe parlamentare abruzzese. Erano presenti i senatori del Pd, Giovanni Lolli e Giovanni Legnini, del Pdl, Paola Pelino, Filippo Piccone e Fabrizio Di Stefano, e Alfonso Mascitelli dell'Idv, i primi cittadini hanno discusso del testo del maxi emendamento per la nuova legge sul terremoto in Abruzzo. «Vogliamo certezze o siamo pronti a dimetterci», hanno gridato in coro. 

LE VOCI DEI SOLDI CHE MANCANO - La polemica è nata all'idomani delle dichiarazioni del Ministro Barca secondo cui mancherebbero 8 miliardi di euro per la ricostruzione del Capoluogo d'Abruzzo. «Siamo pronti a dare battaglia per miglirare la Legge per L'Aquila», ha annunciato il senatore del pd Legnini facendo allusioni ad eventuali emendamenti correttivi del disegno di legge in discussione prossimamente alla camera.

Reda Inde

lunedì 09 luglio 2012, 16:25

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
ricostruzione
sindaci
comuni
cratere
sisma
parlamentari
dimissioni
Cerca nel sito