Cosa serve per andare a lavorare in USA

Lavorare negli Stati Uniti è un sogno per molti giovani italiani. Ma prima di prendere una decisione così importante sarà opportuno prendere tutte le informazioni

Cosa serve per andare a lavorare in USA

COSA SERVE PER ANDARE A LAVORARE NEGLI USA. Lavorare negli Stati Uniti è senza dubbio il sogno di tanti giovani italiani che, alla ricerca di più ampie possibilità di crescita professionale, desiderano confrontarsi con una realtà ricchissima di opportunità concrete, difficilmente riscontrabili in Italia, come in altri paesi facenti parte della comunità europea.

Ma prima di prendere una decisione così importante sarà opportuno prendere tutte le informazioni necessarie sul paese americano in cui ci si intende trasferire, nonché sui diversi Visti necessari, e sul funzionamento dell'assistenza sanitaria.

Naturalmente trasferirsi in un grande paese come l'America, così diverso dal nostro, avrà dei pro e dei contro che si dovranno valutare con estrema attenzione, infatti, se è vero che il costo della vita risulta basso se confrontato agli stipendi medi percepiti è altrettanto vero che l'assistenza sanitaria privata determinerà la stipulazione di un contratto da cui non ci si potrà sottrarre.

A seconda delle diverse necessità occorrerà ottenere il visto necessario che vi consentirà di lavorare in America. Queste tipologie di visto sono caratterizzate da differenti tipologie tra cui rientrano:

  • Il visto di tipo B1 e B2, che sono quelli rilasciati per viaggi di lavoro, come conferenze, riunioni o negoziazioni, ma anche per motivi turistici.
  • Il visto di tipo C1 e D, utili per chi transita nel territorio americano per raggiungere un'altra destinazione.
  • Il visto di tipo F, utile a chi deve affrontare un viaggio in America per eseguire un corso o un programma di tipo accademico.
  • Il visto di tipo I, rilasciato a giornalisti e addetti alla stampa residenti in un'altro paese.
  • I visti di tipo H, L, O, P, Q, indispensabili a chi ha in programma di lavorare negli Stati Uniti per un determinato periodo di tempo, esclusivamente presso un datore di lavoro americano che avrà il compito di compilare la richiesta stessa per l'erogazione del Visto.
  • Il visto di tipo J, chiamato anche Exchange Visa, si rivelerà invece utile a coloro che si recheranno negli Stati Uniti per partecipare a tirocini e ricerche di lavoro alla pari o comunque non retribuiti da enti americane.

Cos'è l'Autorizzazione al viaggio negli Stati Uniti per i Cittadini Italiani

Fortunatamente l'Italia rientra tra quei paesi che partecipano al Programma di Viaggio senza Visto (Visa Waiver Program) per gli Stati Uniti, che semplifica nettamente l‘ingresso negli Stati Uniti a tutti i cittadini italiani.                                                              

Grazie a questo programma ci si potrà recare negli Stati Uniti anche senza Visto, semplicemente richiedendo l'autorizzazione al viaggio ESTA (Electronic System for Travel Authorization) almeno 72 ore prima della partenza prevista.

L'ESTA è un modulo compilabile facilmente online che dovrà essere esibito insieme al passaporto elettronico. Poiché l'ESTA non sostituisce i diversi Visti sopraelencati, i cittadini dei paesi non aderenti al Programma di Viaggio senza Visto non potranno usufruire di tale documento.

L’autorizzazione al viaggio ESTA ha una validità di 2 anni e potrà facilmente essere aggiornato per gli ulteriori viaggi con destinazione America. Se a recarsi in America sarà tutta la famiglia allora ogni singolo membro, compresi i neonati, dovranno esibire al momento dell'imbarco l'autorizzazione ESTA.

Fonte delle informazioni sull’ESTA: https://application-esta.us/cosa-e-esta

lunedì 09 ottobre 2017, 14:34

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
lavorare
stati uniti
esta
modulo
viaggio senza visto
visto
ultime notizie
lavoro usa
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano