Cosa fare in caso di emoglobina bassa?

Di norma per l’emoglobina bassa occorre intervenire con una correzione dell’alimentazione, oppure occorrono integratori a base di ferro, acido folico e vitamina b12. Gli alimenti consigliati

Cosa fare in caso di emoglobina bassa?
COSA FARE IN CASO DI EMOGLOBINA BASSA? Cos’è l’emoglobina bassa e cosa fare quando si presenta questo valore? Si parla di emoglobina bassa ( http://www.ilmediconline.it/emoglobina-bassa/ ) quando il pigmento dei globuli rossi è molto ridotto. Questo va a compromettere il trasporto di ossigeno a organi e tessuti.

Le cause di questo abbassamento di emoglobina possono essere molte. Alcune volte per esempio alla base c’è un problema genetico, altre volte invece un deficit alimentare. In base a quanto è grave la carenza il medico vi prescrive la terapia più idonea. Se per alcuni infatti è sufficiente rivedere l’alimentazione, per altri occorrono delle trasfusioni di sangue.

E’ necessario intervenire in caso di emoglobina bassa perché non si tratta certo di un problema da sottovalutare. Visto che questa condizione provoca un deficit nel trasporto di ossigeno ai vari tessuti del corpo, significa che vi sono ripercussioni notevoli sulle varie funzioni dei vari organi.

C’è da dire che i valori variano molto con il passare degli anni. Se i neonati li hanno piuttosto alti, con il passare del tempo questi valori tendono naturalmente a diminuirsi. I valori cambiano anche in base al periodo della vita.

Il medico per capire quali sono i valori corretti del paziente deve prescrivere un’analisi completa per quanto riguarda l’emocromo. Grazie a questo esame infatti è possibile capire tanti altri parametri importanti come per esempio la quantità dei globuli rossi, delle piastrine, del ferro e dei valori epatici e renali.

Sintomi e cause

I sintomi sono quelli tipici di quando manca ossigeno nei tessuti. La persona soffre di mal di testa, vertigini, tachicardia, stanchezza e debolezza diffusa. La pelle può diventare molto pallida. Quando però c’è una carenza molto grave dietro può portare insufficienza cardiaca e infarto.

Le cause dell’emoglobina bassa non sono sempre patologiche. Delle volte è un problema transitorio. Possono soffrirne per esempio chi segue una dieta vegetariana e vegana, le donne in dolce attesa e quelle che soffrono di mestruazioni particolarmente abbondanti. Anche alcuni farmaci come i trattamenti antitumorali o antivirali. Le cause patologiche sono di solito l’anemia, le disfunzioni renali ed epatiche, gli squilibri ormonali, la leucemia, le infezioni virali e batteriche.

Quali sono i rimedi da adottare in caso di emoglobina bassa

Parlando invece di rimedi e terapie, vediamo cosa è possibile fare per risolvere il problema dell’emoglobina bassa. Quando c’è una causa patologica alle spalle occorre intervenire proprio sulla patologia. Esistono comunque condizioni particolarmente gravi che richiedono un intervento diretto sul deficit in modo da riportarlo ai valori normali. In questo caso occorre una trasfusione di sangue. Solo in casi particolarmente importanti ed estremi comunque è necessario.

Di norma per l’emoglobina bassa occorre intervenire con una correzione dell’alimentazione, oppure occorrono integratori a base di ferro, acido folico e vitamina b12. Tra gli alimenti consigliati per migliorare il problema di emoglobina bassa invece, troviamo i legumi, gli spinaci, i cereali integrali, il tuorlo d’uovo, la frutta secca, la carne rossa e i frutti di mare.
Redazione Independent
 

sabato 25 agosto 2018, 12:00

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
emoglobina
emoglobina bassa
cosa fare
sangue
trasfusioni
ossigeno
acido folico
alimenti consigliati
Cerca nel sito