Confartigianato: "Meno servizi e qualità? Meno turisti"

Allarme del presidente dell'associazione, Luca Di Tecco: "Un territorio straordinario finisce per perdere la sua identità"

Confartigianato: "Meno servizi e qualità? Meno turisti"

CONFARTIGIANATO DA' L'ALLARME. Un calo di qualità e servizi che fa venir meno "l'identità turistica del territorio", in una regione finita al 18esimo posto in Italia per arrivi e presenze di stranieri. Confartigianato lancia per l'Abruzzo "l"allarme turismo". Nel 2014 l'Enit ha registrato -7,7% di arrivi e -11,2% di presenze.

DI TECCO. "E' un paradosso per una regione con mare e montagne straordinarie, tre parchi nazionali, un patrimonio enogastronomico apprezzato nel mondo, paesaggi che soddisfano ogni tipo di turismo, sportivo, religioso, culinario", dice in una nota il presidente di Confartigianato Abruzzo, Luca Di Tecco, secondo il quale pesano anche l'incertezza sulle sorti dell'Aeroporto e il rischio di perdere Ryanair, "che fa viaggiare 560mila persone all'anno e genera, per imprese e attività, un fatturato di 800mila euro al giorno".

"Siamo a un punto di non ritorno - afferma Di Tecco - Non siamo solo preoccupati, ma anche esausti dei continui litigi tra schieramenti politici, situazione che va avanti da almeno 10 anni. La Regione deve fare la sua parte".

Redazione Independent

sabato 28 maggio 2016, 23:28

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
regione
turismo
confartigianato
allarme
lucaditecco
Cerca nel sito