«Chieti sarà città fantasma»

Caos Province. Fanno paura le parole Di Giuseppantonio. Intanto il vice sindaco Di Paolo attacca i politici pescaresi

«Chieti sarà città fantasma»

ACCORPAMENTO PROVINCE. LA PAURA DI CHIETI. Sull'ipotesi dell'accorpamento delle province di Chieti e Pescara è intervenuto il vice sindaco di Chieti Bruno Di Paolo che apre una polemica con i politici della provincia di Chieti che sarebbero in pochi a schierarsi contro l'ipotesi del trasferimento di fatto del capoluogo da Chieti a Pescara, con il conseguente trasferimento di importanti uffici provinciali come quello della Prefettura e della Questura. Si schiera, quindi, col presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio secondo cui, nella malaugurata ipotesi del trasferimento, Chieti diverrebbe una città fantasma.

DI PAOLO VS. I POLITICI PESCARESI. Il vice sindaco della Giunta di Umberto Di Primio ha, poi, preso di mira i politici pescaresi, ricordando loro che «già sono stati avvantaggiati e il fatto che Pescara è sede di uffici regionali non è una buona ragione per richiedere anche la sede della provincia». Intanto, samane, in Provincia a Pescara, c'è stato il summit tra il presidente Guerino Testa ed il sindaco del capoluogo adriatico Luigi Albore Mascia per decidere le strategie da mettere in campo.
Marco Beef
 

 

sabato 25 agosto 2012, 11:01

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
province
accorpamento
chieti
di giuseppantonio
testa
mascia
di primio
polemica
citt
fantasma
uffici
prefettura
questura
trasferimento
notizie
Cerca nel sito

Identity