Chieti. Tempo di bilanci

Di Primio spiega i risultati raggiunti nel suo primo anno «avavamo ereditato un indebitamento di 20 milioni»

Chieti. Tempo di bilanci

CHIETI. IL BILANCIO DEL SINDACO. «Consegno alla stampa e ai consiglieri di maggioranza i dati dell’attività amministrativa del 2012  – ha dichiarato il Sindaco nel corso della conferenza stampa – utili a noi tutti non solo per un resoconto del lavoro già svolto, ma anche per l’analisi dei correttivi al programma stilato nel 2010, necessariamente modificato alla luce della grave situazione finanziaria nazionale e locale e i cui effetti si sono ripercossi anche sul nostro Comune». Così il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, alla presenza degli Assessori componenti la Giunta Comunale, questa mattina ha illustrato agli organi d’informazione i risultati dell’attività amministrativa svolta nel 2012 e le prospettive per il 2013. «La politica del nostro primo anno amministrativo è stata da noi definita quella “dell’ascolto”, la politica del nostro secondo anno quella della “programmazione”, la politica del terzo anno – ha proseguito il Sindaco – sarà quella “buon padre di famiglia”, ovvero quella dell’amministrare nell’interesse generale, con un occhio di riguardo alle fasce sociali più deboli e che in ragione della crisi economica si stanno allargando sempre più sul territorio».

«DEBITI PER 20 MILIONI». Nel 2012 i debiti del Comune di Chieti, accumulato negli anni, presentavano un'indebitamento pari  20 milioni di euro: Aca (oltre 6.000.000 di euro), Provincia di Chieti (per fitti scolastici non pagati 3.483.085,80), Deco (4.134.377,56), Istituti Riuniti San Giovanni (579.477,79), vertenze del personale dipendente (323.614,00), ex Istituzione Teatrale (3.578.742,04), Vertenza Pannozzo (557.295,93) e Seap (lavori filovia 391.082,46).   

 

COSTI POLITICA E TRASFERIMENTI. Proseguendo l’analisi della crisi economica globale, i cui riflessi hanno investito anche il territorio teatino (chiusura ex Oliit, chiusura Burgo, crisi azienda Sixty, crisi sistema creditizio), il Sindaco ha poi tracciato il quadro dei minori trasferimenti erariali (meno 8.156.649,74, ovvero il 54% in meno rispetto al 2010) e la lotta dell’amministrazione per abbattere gli sprechi pur mantenendo inalterati i servizi«Nel 2012 – ha continuato – abbiamo ridotto i costi della spesa corrente di 1.230.584,70 euro che, se si sommano all’estinzione anticipata di 1.579.928,56 di euro di mutui fanno un totale di 2.810.407 euro di tagli. Le voci più significative di riduzione, taglio e risparmio della spesa hanno riguardato ad esempio le spese degli organi politici (meno 47.651,64 euro), le spese dei servizi (meno 416.361,00 riguardanti mensa dei dipendenti, programmi e attrezzature, manutenzione delle macchine, manutenzione e custodia del Palasport, etc, etc), i costi per le manifestazioni (meno 136.861,00 euro riguardanti Settimana Mozartiana, Maggio Teatino, Buskers Festival, Eventi Scalini, Tradizioni della Quaresima, Trekking Urbano, Manifestazioni sportive,  Manifestazioni culturali), i costi di cancelleria (meno 7.690,00 €), i costi delle pulizie (meno 46.755.00 € riguardanti gli uffici comunali, la Pinacoteca Barbella, il Teatro Marrucino, il Supercinema) i costi di riscaldamento nelle scuole per passaggio da gasolio a gas metano (meno 40.000,00 euro), i costi di gestione dei rifiuti (meno 212.515,00 euro), i costi per il carburante delle auto comunali (meno 14.821,00 euro), i costi della manutenzione dei mezzi comunali (meno 19.900,00 euro) che, nonostante tutto, non hanno influito sui servizi e sul raggiungimento degli obiettivi programmati»

GLI OBIETTIVI RAGGIUNTI.  Ottimizzando ed efficientando i servizi, il Sindaco ha ricordato, poi, alcuni importati risultati raggiunti nel 2012: il raggiungimento del 65% di Raccolta Differenziata con un risparmio di 1.300.000 €; l’alto posizionamento della Città di Chieti nel campo nazionale dell’ eco-management nonostante le considerevoli riduzioni per le consulenze ambientali (meno 50.000,00 €); il recupero di 180.000,00 € dalla vendita di azioni di società partecipate non istituzionali; l’azzeramento delle le spese per il Museo “C. Barbella”  attraverso l’ utilizzo del personale comunale e l’incremento dei visitatori passati da 400 a 4000 nel giro di un anno;  il recupero di 500.000,00 € di Ici non pagata (dal 2007 ad oggi) per la Centrale Idroelettrica; l’aumento del 30% della riscossione dall’area evasiva; i circa 8.000.000 di euro di lavori pubblici (acquisto di nuovi filobus 2.400.000 €, Strade e sottoservizi - pubblica illuminazione, fognature, dissesto, acquedotto, asfalti 1.688.500 €, Edifici Comunali - patrimonio, ERP, Stadio, Scale Mobili, Centri Sociali, 845.226,00 €, Edifici Scolastici Nidi, Materne, Elementari medie 1.844.408 €, lavori di metanizzazione 64.847,00 €, imprevisti ed urgenze 791.430,00 €); l’apertura di nuovi parchi gioco e la ristrutturazione di quelli esistenti; 3.200.000 € di stanziamenti per il Sociale; 340.000,00 € per interventi di caratterizzazione ambientale nelle aree contaminate della Valpescara;  250.000 € per i lavori di manutenzione e rifacimento della segnaletica stradale;  600.000 € per l’Assistenza Scolastica Specialistica;  26.400,00 € per progetti contro la contraffazione nei mercati cittadini (progetto ANCI);  - 5% per la TARSU;  la riduzione delle discariche abusive sul territorio comunale;  l’installazione dei pannelli fotovoltaici sulle scuole con un risparmio di 16.000 €;  l’avviamento  del progetto “Cittadini e cittadinanza”; l’adesione al progetto Ue “L’isola dei diversamente abili – percorso di integrazione socio-lavorativa” attraverso il quale 10 cittadini riceveranno una borsa lavoro di 600,00 euro per circa 10 mesi e circa 15, invece, seguiranno un corso di formazione professionale;  il progetto Home Care Premium - Gestione di Progetti Innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare in favore di soggetti non autosufficienti e fragili con il quale sono stati assistiti più di 50 utenti;  il Centro Antiviolenza Donna; l’appalto della piscina Comunale; il riordino dei mercati cittadini; il recupero dei fitti attivi quantificabili per circa 100.000 €; l’erogazione di 355.255,00 € per l’emergenza abitativa (dal 2010 ad oggi);  la rimodulazione della rete scolastica con la trasformazione dei circoli didattici in 4 istituti comprensivi;  l’eliminazione dei residui attivi e passivi per un totale di € 116.932.252,04 nel biennio 2010/2012 a beneficio del bilancio comunale;  lo smaltimento delle pratiche arretrate per il settore urbanistica; l’avvio della gara per il nuovo Cimitero; la realizzazione della zona “NO TAX AREA”;  il censimento tutti gli alloggi di edilizia residenziale pubblica e case parcheggio di proprietà comunale;

I PROGETTI PER IL 2013. Pre il 2013 l'amministrazione guidata dal legale teatino ha mente di realizzare: il progetto di finanza per l’ampliamento della superficie del Tribunale di Chieti; il bando per la realizzazione del parcheggio dell’Ospedale di Colle dell’Ara;  la realizzazione di parcheggi di scambio; la variante generale al Piano Regolatore. 

twitter@subdirettore

venerdì 18 gennaio 2013, 18:17

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
di primio
bilancio
amministrazione
chieti
notizie
Cerca nel sito