Chieti. Le "noie" del sindaco

Il Primo cittadino tuona sulla fronda interna (Udc): «Chi non ci sta lo dica». Interviene il segretario ma il dubbio resta

Chieti. Le "noie" del sindaco

CHIETI. LE NOIE DEL SINDACO. «Leggo dalla stampa che ci sarebbe una fronda, all’interno della maggioranza di governo, tale da mettere in crisi la mia amministrazione. Personalmente non mi risulta che i partiti che compongono la mia maggioranza abbiano assunto decisioni o fatto scelte di coalizione diverse da quelle che, due anni e mezzo fa, ci hanno consentito di vincere le elezioni». Così parlò il primo cittadino, Umberto Di Primio, per smentire una ipotesi che, per la verità, già si conosceva. Di cosa parliamo? Ma dell'Udc: un partito che difficilmente può essere decifrato (vedi Montesilvano o Spoltore dove sono in Giunta con il Centrosinistra).

UDC (ADREA BURACCHIO). Nel frattempo il presidente provinciale dell’Udc, Andrea Buracchio, si è affrettato a testimoniare solidarietà, oltre che la fiducia, al primo cittadino di Chieti, richiamando all'ordine i "più civettuoli": il che è suonato anche come un monito ai tre assessori dell’Udc nominati in Giunta. «Quanto ai mal di pancia di qualche consigliere di centrodestra - ha tuonato Di Primio - , che dicono civetti con l’opposizione, rivolgo un invito, a chi non se la sente più di lavorare in questo momento così difficile per il bene della città, a dichiarare pubblicamente il cambio di coalizione e dare spiegazioni agli elettori di tale scelta». Finita qui? Almeno fino alla prossima "strambata".

Marco Beffe

 

martedì 11 settembre 2012, 14:38

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
di primio
fronda
che succede
amministrazione
segretario
buracchio
udc
provinciale
comunale
giunta
mandato
notizie
crisi
chieti
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!