Bussi, gli ambientalisti: "Chi paga la bonifica della discarica?"

Secondo Legambiente & co. "il progetto non risolve i problemi" e "non bisogna scaricare i costi sui cittadini"

Bussi, gli ambientalisti: "Chi paga la bonifica della discarica?"

BUSSI, CHI PAGA? "Chi pagherà la bonifica di Bussi? Il timore è che si stia andando verso una direzione che rischia di scaricare i costi veri sui cittadini, contravvenendo al buon senso e alla direttiva comunitaria che istituisce un quadro di responsabilità ambientale basato sul principio 'chi inquina paga' per prevenire e riparare i danni ambientali".

E' quanto affermano, in una nota, le associazioni ambientaliste abruzzesi alla vigilia del tanto discusso accordo di programma relativo alla megadiscarica dei veleni.

In particolare, Legambiente, Wwf, Arci, Bussi ci riguarda, Ecoistituto Abruzzo, Italia Nostra, Lipu, Marevivo, Mila Donnambiente e Pro Natura evidenziano le criticità dell'accordo e sottolineano che "il progetto di bonifica non risolve il problema della discarica Tremonti e dell'area industriale che continuano ad inquinare. Neanche convince la mera 'messa in sicurezza' ai fini della reindustralizzazione dell'area di proprietà di Solvay ed oggetto dell'accordo di programma".

La sentinella ambientale

sabato 21 maggio 2016, 22:51

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
bussi
bonifica
ambiente
discarica
inquinamento
Cerca nel sito