Arsenico nel fiume Pescara: sequestrato depuratore Chieti, arrestati 4 (eco)responsabili

Traffico illecito di rifiuti, inquinamento ambientale, truffa ai danni dello Stato, peculato e abuso d'ufficio: queste le accuse della Forestale

Arsenico nel fiume Pescara: sequestrato depuratore Chieti, arrestati 4 (eco)responsabili

ARSENICO NE FIUME PESCARA, ARRESTI E SEQUESTRI NEL GIRO DELLA DEPURAZIONE. Traffico illecito di rifiuti, inquinamento ambientale, truffa ai danni dello Stato, peculato e abuso d'ufficio: una vasta operazione del Corpo Forestale dello Stato in Abruzzo ha portato al sequestro del depuratore di Chieti Scalo, gestito dal Consorzio di Bonifica Centro, e all'arresto dei responsabili anche per il reato di inquinamento ambientale. Arresti consentiti anche dall'applicazione della nuova legge sugli ecoreati con l'introduzione dello specifico delitto di inquinamento ambientale. Gli arrestati sono responsabili e tecnici del consorzio nonché il titolare di un laboratorio di analisi chimiche. A seguito del sequestro, la gestione del Consorzio di Bonifica Centro è stata affidata ad un amministratore giudiziario.

INDAGINE SUGLI ECOREATI. L’attività d’indagine, svolta congiuntamente dai Comandi Provinciali del CFS di Chieti e Pescara, coordinata dai Sostituti Procuratori presso la DDA di L’Aquila, Antonietta Picardi e David Mancini, è iniziata nel febbraio 2015 e sin dalle preliminari attività di accertamento ha messo in luce gravi irregolarità nel trattamento e depurazione dei reflui e di rifiuti liquidi. La prosecuzione delle indagini, che ha visto gli agenti del Corpo impegnati in attività d’intercettazione telefoniche ed ambientali integrate da indagini documentali, ha permesso di cristallizzare una serie di condotte illecite nelle modalità di gestione e funzionamento dell’impianto di depurazione del capoluogo teatino. Alcune perquisizioni effettuate nel dicembre 2015 presso l’impianto e gli uffici del Consorzio hanno fornito la conferma dei primi indizi e consentito di quantificare con certezza la dimensione di alcuni degli illeciti investigati: è stato ad esempio accertato che ben 1090 tonnellate di rifiuti liquidi provenienti dalla Toscana, contenenti elevate concentrazioni di arsenico, sono stati accettati in impianto in assenza delle necessarie analisi che ne attestassero la composizione, così come sono stati conferiti percolati di discariche con alti valori di ammoniaca (5 volte il limite dello scarico autorizzato) fornendo sistematicamente all’ARTA dati palesemente manipolati.

GESTIONE ILLECITA FANGHI. Le indagini hanno rivelato anche la gestione illecita di un ingente quantitativo di fanghi di depurazione che venivano illegalmente miscelati falsificandone, anche in questo caso, la relativa documentazione, per lo smaltimento dei quali il Consorzio di Bonifica ha percepito indebite sovvenzioni economiche da parte del Comune di Chieti per 300.000 euro. Inoltre, sono state accertate gravi problematiche strutturali e manutentive degli impianti, più volte rilevata anche dall’ARTA, conclamata nell’esistenza di falle nelle vasche di trattamento attraverso le quali sono confluiti nel sottosuolo reflui e fanghi inquinati. Il Consorzio – organismo di diritto pubblico – ha inoltre affidato appalti a privati per servizi di trasporto e smaltimento dei fanghi in assenza delle prescritte procedure di evidenza pubblica, avvalendosi della società Depuracque, gestore autorizzato di un confinante impianto di trattamento di rifiuti pericolosi che scarica nell’impianto del Consorzio. Nel corso del tempo vi è stato un continuo sversamento di reflui non trattati nel fiume Pescara che, unitamente alla gestione irregolare degli ingenti carichi di percolato da discariche, hanno prodotto, secondo quanto emerso nel corso dell’indagine, l’aggravarsi dell’inquinamento della falda sottostante e del fiume stesso.

FORUM H20: "OLTRE AL MERCURIO L'ARSENICO". "L'arsenico è un cancerogeno, un inquinante persistente. L'indagine è l'ennesima dimostrazione che la Val Pescara è un vero e proprio buco nero dell'ambiente, peccato però che i contaminanti non spariscono" così il Forum H2O sull'inchiesta di oggi della Magistratura e del Corpo Forestale. "Sconvolge - proseguono - che persone operanti per un soggetto pubblico come il Consorzio siano accusate di reati così gravi. Possibile che con tutti i problemi ambientali che abbiamo in Abruzzo le strutture del Consorzio siano diventate negli anni un punto di riferimento per lo smaltimento di rifiuti da tutta Italia? A parte le questioni di eventuali illeciti che accerteranno i giudici, possibile che era questa la missione data al Consorzio?. Il Forum ovviamente sostiene l'opera degli inquirenti ma ritiene fondamentale operare su tre settori che riguardano le strutture amministrative. In particolare: rafforzare tutti i soggetti della pubblica amministrazione deputati al controllo, a partire dall'ARTA; garantire la bonifica proprio a partire dal Sito regionale di Bonifiche di Chieti scalo che è contaminato quasi come Bussi; attuare una grande opera di trasparenza degli atti, dai monitoraggi ai documenti riguardanti l'ambiente.
Redzione Independent

 

venerdì 21 ottobre 2016, 11:13

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
fiume pescara
arsenico
traffico illecito rifiuti
consorzio di bonifica
comune di chieti
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!