Arrestato cattivo macellaio

Un 43enne di Sulmona organizza la rapina a commerciante di bestiame. In carcere 5 "scagnozzi"

Arrestato cattivo macellaio

RAPINA BESTIAME. ARRESTATI MANDANTE ED ESCUTORI MATERIALI. I Carabinieri della Compagnia di Lanciano, questa mattina, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lanciano, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, e due agli arresti domiciliari, nei confronti di sei persone di Sulmona responsabili, a vario titolo, di rapina e lesioni personali aggravate. Le indagini degli uomini dell’Arma sono scaturite dalla denuncia sporta da un commerciante di bestiame di 40 anni, originario di un paesino della provincia di Chieti, che ha raccontato ai militari di essere stato aggredito, lo scorso 2 gennaio, insime al cugino 37enne, da 5 uomini con i quali si era incontrato per acquistare dei bovini.

L'APPUNTAMENTO E LA TRAPPOLA. L’uomo ha spiegato agli inquirenti che a fine dicembre era stato contattato telefonicamente da una persona che gli aveva proposto l’acquisto di alcuni capi di bestiame, di proprietà del padre, che l’anziano genitore doveva dismettere perché, vista l’età avanzata, non era più in grado di accudire. Per l’acquisto i due avevano pattuito la somma di 20mila euro e l’incontro era stato fissato nei pressi di Gamberale per il giorno 2 gennaio. All’appuntamento il commerciante di bestiame si era recato con il cugino e ad attenderli aveva trovato tre uomini che, a loro volta, li avevano invitati a seguirli in un casolare, poco distante dal luogo dell’incontro, dove avrebbero potuto visionare gli animali e la relativa documentazione. In realtà, però, giunti nei pressi del casolare, di fatto abbandonato, il commerciante ed il cugino erano stati aggrediti a bastonate dai tre uomini e da altre due persone sopraggiunte nel frattempo. Mentre il 40enne era riuscito a fuggire a piedi riportando soltanto lesioni di minore entità, ad avere la peggio era stato suo cugino che era stato accerchiato dai 5 uomini e picchiato a tal punto da riportare la frattura delle ossa nasali, un trauma cranico non commotivo, un trauma toracico ed escoriazioni varie con una prognosi di 20 giorni. Nella circostanza il 37enne era stato rapinato anche del portafogli, dove presumibilmente i malviventi supponevano ci fossero i 20mila euro, e del suo cellulare. Fortunatamente all’interno del portafogli vi erano solo 200 euro poiché il commerciante di bestiame avevano pensato bene di lasciare il denaro a suo padre che non si era recato con lui all’appuntamento ma sarebbe sopraggiunto solo in un secondo momento.

LE INDAGINI SU MACELLAIO SULMONESE. Le immediate indagini avviate dagli uomini dell’Arma hanno permesso di scoprire, in breve tempo, che il mandante della rapina era un macellaio di Sulmona di 43 anni, fortemente indebitato con il commerciante di bestiame e con altri commercianti del settore. L’uomo, infatti, aveva organizzato l’aggressione ai danni del suo creditore assoldando i 5 malviventi che avrebbero dovuto impossessarsi dei 20mila euro che lui poi, presumibilmente, avrebbe utilizzato per saldare i suoi debiti. Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Lanciano, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lanciano che ha coordinato le indagini svolte dai militari dell’Arma, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di D.B.N. e D.A.A. di 43 anni e D.C.C. e S.F. di 35 anni, mentre agli arresti domiciliari sono finiti D.C.A. di 37 anni e S.M. di 31 anni.  

twitter@subdirettore

 

mercoledì 13 febbraio 2013, 12:18

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
macellaio
sulmona
arrestato
lanciano
rapina
bestiame
notizie
arresti
Cerca nel sito

Identity