Arrestate due rom che gestivano a Rancitelli una rete di spaccio di cocaina ed altre sostanze

Insolito viavai nei pressi di un piccolo market che, anche in orario di chiusura, riceveva da molti clienti richieste di “birre ghiacciate” o “detersivo”

Arrestate due rom che gestivano a Rancitelli una rete di spaccio di cocaina ed altre sostanze
ARRESTATE A RANCITELLI DUE ROM CHE GESTIVANO UNA RETE DI SPACCIO. Arrestate due rom che gestivano a Rancitelli una rete di spaccio di cocaina ed altre sostanze stupefacenti con la copertura di un esercizio commerciale. In esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Pescara, dr. Nicola Colantonio, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dr. Gennaro Varone, i finanzieri del Comando Provinciale di Pescara nella mattinata odierna hanno arrestato due donne di etnia rom, una destinataria della misura in carcere e l’altra dei domiciliari, responsabili di aver realizzato una fitta rete di spaccio di cocaina ed altre sostanze stupefacenti. Da tempo le Fiamme Gialle pescaresi monitoravano nel quartiere Rancitelli un intenso ed insolito viavai nei pressi di un piccolo market che, anche in orario di chiusura, riceveva da molti clienti richieste di “birre ghiacciate” o “detersivo”. Gli elementi investigativi raccolti hanno consentito ben presto ai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Pescara di decriptare il linguaggio ed i segni convenzionali utilizzati dai “particolari” clienti – tutti identificati – di quel negozio ed individuare nelle due rom i referenti dello spaccio di stupefacenti, in particolare cocaina, nella zona. Le due donne, peraltro risultate gravate da svariate condanne, sono apparse particolarmente abili nel gestire l’attività illecita: al fine di eludere eventuali controlli si avvalevano della copertura e della insospettabile complicità del gestore dell’esercizio commerciale per contattare i numerosi tossicodipendenti ed occultare lo stupefacente. In particolare, una delle due, era solita effettuare le consegne nascondendo la droga all’interno dei flaconi del detersivo. L’operazione odierna, scattata nella prima mattinata, ha visto impegnati i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Pescara oltre che nell’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, anche in varie perquisizioni domiciliari, con l’ausilio di due unità cinofile. In carcere è finita C.A. – anni 36 – originaria di Termoli, mentre ai domiciliari è finita F.P. – anni 47 – di Pescara. Continuano le attività delle Fiamme Gialle pescaresi a contrasto del traffico di stupefacenti per la salvaguardia della vita umana nostra e dei nostri figli.
Redazione Independent

mercoledì 06 aprile 2016, 12:41

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
rancitelli
spaccio di droga
stupefacenti
cocaina
donna rom
zingare
Cerca nel sito