"Anti Ufo" D'Alfonso: «Adriatico preso di mira da speculazioni»

Il governatore d'Abruzzo chiama la deputata vastese Amato. Chiesto incontro urgente al Governo per tutelare coste e monti

"Anti Ufo" D'Alfonso: «Adriatico preso di mira da speculazioni»

LUCIANO D’ALFONSO: «IL MARE ADRIATICO PRESO DI MIRA DA SPECULAZIONI». «Tre cetacei e un orso bruno morti nello stesso giorno in Abruzzo. Secondo i primi rilievi si tratta di decessi causati dall’attività diretta o indiretta dell’uomo: qualora questa ipotesi venisse confermata, dovremo raddoppiare i nostri sforzi affinché la nostra regione sia luogo privilegiato di accoglienza e non di morte per gli animali che vi abitano e transitano». E’ la dichiarazione rilasciata dal Presidente di Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, che nel pomeriggio ha avuto un colloquio telefonico con la deputata vastese del Pd Maria Amato.

INCONTRO COL GOVERNO. «L’onorevole Amato mi ha assicurato – ha spiegato D’Alfonso – che già da lunedì si attiverà presso il ministero dell’Ambiente affinché l’Abruzzo venga seguito con particolare attenzione. L’Adriatico è un acquario non soltanto italiano: è giunta l’ora di creare sinergie transfrontaliere via terra e via mare, e la nascita della macroregione Adriatico-Ionica – di cui la Marca Adriatica sarà un tassello importante – favorirà naturalmente questo processo. Riguardo all’episodio accaduto a Vasto, vogliamo capire perché si è verificato questo fenomeno, in particolare intendiamo indagare le concause determinate dalle speculazioni che spesso prendono di mira l’Adriatico e che sono accompagnate da rumori insopportabili per l’armonia del Creato».

I faraonici

venerdì 12 settembre 2014, 23:58

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
d\'alfonso
adriatico
trivelle
amato
mare
abruzzo
Cerca nel sito