Anche l'Abruzzo in prima linea per fermare l'inquinamento marino in Liguria

Un velivolo della Guardia Costiera sta monitorando quotidianamente lo sversamento di greggio avvenuto lo scorso 17 aprile nel torrente Povecera

Anche l'Abruzzo in prima linea per fermare l'inquinamento marino in Liguria

ABRUZZO IN PRIMA LINEA PER FERMARE L'INQUINAMENTO MARINO IN LIGURIA. Sin dal mattino del 22 aprile, quotidianamente il velivolo ATR 42 MP “MANTA 02” del 3° Nucleo Aereo Guardia Costiera di Pescara, sede del Servizio di Telerilevamento Ambientale, è stato impiegato in attività di monitoraggio acque nel mar Ligure in seguito allo sversamento di greggio avvenuto lo scorso 17 aprile nel torrente Polvecera (Genova). L’attività di monitoraggio, che è stata effettuata attraverso un sofisticato radar di bordo (SLAR) e sensori ad infrarosso, ha permesso una rapida localizzazione delle tracce di idrocarburo, consentendo, in tal modo, l’acquisizione una “picture” d’insieme dello scenario operativo, e dunque un efficace impiego delle risorse disponibili.

Redazione Independent

martedì 26 aprile 2016, 15:11

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
inquinamento
genova
inquinamento marino
petrolio
mare
capitaneria di porto
abruzzo
torrente polvecera
Cerca nel sito

Identity