Al voto a febbraio o a marzo?

Il Pdl vuole l'Election Day: insieme alle regionali. Ma il Pd ha il problema delle primarie: c'è tempo?

Al voto a febbraio o a marzo?

ELEZIONI. A FEBBRAIO O IN APRILE? Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, questo è noto, scioglierà le Camere dopo l'approvazione della legge di Stabilità, ex legge finanziaria. Dopodichè potranno essere indette le nuove elezioni per il rinnovo delle cariche del paese: la prima data utile è a partire dal 45° giorno dallo scioglimento del Parlmanento. Dunque, fine febbraio. Ma come nella migliore tradizione politica, anche su questo argomento, non c'è l'accorto tra i competitors principali: cioè pdl e Pd.

ACCORPAMENTO Sì O NO? Il Pdl vuole l'Election Day (politiche e regionali insieme), specie per dirimere la questione Lazio, dove si voterà anche per il rinnovo della Giunta della Regione. La data, in questo caso, sarebbe, a fine febbraio ma il Partito Democratico non ci sta. C'è, infatti, il problema delle primarie: accetteranno i militanti una scelta, ancora una volta verticistica, per i candidati al Parlamento italiano (oltre che negli altri casi)? L'unica certezza, a parte il fatto che Berlusconi si ricandiderà per la quarta volta, al momento è che si voterà con il "Porcellum". Chiaro, no?

Redazione Independent

lunedì 10 dicembre 2012, 10:48

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
voto
urne
febbraio
marzo
notizie
napolitano
primarie
porcellum
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano