Accordo Sixty. Firma la Cgil

Dopo mesi di trattativa si chiude la vertenza. Salvi solo 120 lavoratori su 400. Malumori nelle Rsu per il voto

Accordo Sixty. Firma la Cgil

VERTENZA SIXTY. FIRMA ANCHE LA CGIL. Che la questione Sixty fosse vicina ad una soluzione lo si era capito già dalla settimana scorsa quando la proprietà, il gruppo Crescent Hyde Park con sede alle Isole Cayman, aveva presentato l'ultima offerta che era stata accettata dalla Cisl e Uil: cioè chiusura dello stabilimento di Chieti Scalo e la costituzione di una new company dove assorbire circa 100 lavoratori degli oltre 400 impiegati nello stabilimento teatino. Ieri è toccato ai lavoratori appartenenti alla Cgil votare in assemblea l'ultima proposta, 50 lavoratori in una Newco. e 70 in un'azienda satellite. Nella votazione hanno avuto la maggioranza coloro che erano favorevoli alla firma dell'accordo e coìsì è stata messa, per ora, la parola fine alla vicenda che ha tenuto col fiato sospeso centinaia di famiglie paralizzate dai possibili funesti sviluppi della vertenza.  

VOLTI TESI E MALUMORI NELLE RSU. Stando a fonti bene informate la votazione di ieri sarebbe stata infuocata. La decisione di appoggiare la proposta dell'azienda, avallata anche dal Governo, non avrebbe incontrato il voto favorevole della maggioranza degli iscritti al sindacato. Ma, come è stato detto, «molti non si sono visti» e così è passata la mozione "firma". A manifestare solidarietà ai lavoratori c'erano Maurizio Acerbo ed il segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero, oltre ad Alfonso Mascitelli candidato al Senato per Rivoluzione Civile. 

twitter@subdirettore

martedì 12 febbraio 2013, 16:30

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sixty
notizie
new co
crescent hyde park
lavoratori
cgil
cisl
piano
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano