Abruzzo senza Sentieri

Assente la Regione al convegno dell'ISS sui siti contaminati. Bussi, Saline e Alento non sono inquinati?

Abruzzo senza Sentieri
L'ABRUZZO DEVE RIENTRARE  "NEI SENTIERI". Il 18 ultimo scorso si è tenuto a Roma, presso il Ministero della Salute, un convegno nel quale l'Istituto Superiore di Sanità (ISS)  ha presentato uno studio denominato Sentieri: "Studio Epidemologico Nazionale dei Terreni e Insediamenti Esposti a Rischio di Inquinamento" che riferisce sull' impatto sulla salute dei siti contaminati. Unica regione non inserita nello studio è l'Abruzzo i cui responsabili regionali evidentemente hanno mostrato inerzia e disinteresse o comunque superficialità nell'affrontare la delicata vicenda dell'inquinamento. Eppure nel territorio esistono ben tre ambiti territoriali classificati Sin (Siti Nazionali di bonifica): Bussi, Saline, Alento, più un terzo a Chieti d'interesse regionale.
ASSENTI RAPPRESENTANTI REGIONALI DELLA SANITA'. Al convegno era presente una delegazione abruzzese di Italia Nostra, Mare Vivo, Mila DonnAmbiente, Ecoistituo Abruzzo, Bussiciriguarda rappresentata da Edvige Ricci, Paola Barbuscia e Mimmo Valente. La delegazione ha posto con  forza il problema chiedendo ufficialmente l'inserimento dell'Abruzzo negli studi dello ISS. Al convegno, rivelatosi di altissima valenza metodologica e scientifica, non 
ha partecipato nessun responsabile della Sanità Regionale.
LE RICHIESTE DEGLI AMBIENTALISTI. I punti che la delegazione ha posto sono: "Rendere evidente l'anomalia di una regione che continua ad essere completamentemancante di registri tumorali, registri malformazioni neonatali, dati epidemoliogici di base, al fiore dei tecnici e scienziati italiani che si occupano di epidemologia, per  investirli della necessità di garantire, anche a noi abruzzesi, il diritto alla salute e all'informazione sanitaria". Lo stesso impegno è stato chiesto ai Ministri Balduzzi e Clini. Particolarmente soddisfatti si sono dichiarati i tre ambientalisti che oltre ad  ottenere le assicurazioni richieste pubblicamente. 
LE PROMESSE. Di rilievo l'assicurazione del prof. Comba, responsabile scientifico dell'ISS che
ha dichiarato che il sito di Bussi entra subito nell'aggiornamento previsto per Sentieri, mentre viene escluso il sito Salino-Alento perché in base ai dati è meno inquinato degli altri.  Il comunicato delle associazioni ambientalistiche conclude invitando i cittadini a vigilare e a continuare ad impegnarsi affinché alle promesse ricevute seguano i fatti.
C.M.

giovedì 20 settembre 2012, 11:20

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sentieri
abruzzo
ministero
siti
contaminati
discarica
bussi
saline
alento
chieti
associazioni
mare vivo
italia nostra
ecoistituto abruzzo
iss
Cerca nel sito