A Sulmona il caso del voto

"Sulmona Unita" di Fulvio Di Benedetto ottiene 3.835 ma non andrà al ballottaggio per legge

A Sulmona il caso del voto

SULMONA. IL CASO DEL VOTO. Quello che è successo nell'ultima tornata elettorale nel Comune di Sulmona è destinato a creare un precedente. La lista "Sulmona Unita" ( Udc-Psi e movimenti civici ) col candidato sindaco Fulvio Di Benedetto, scoparso  a causa di un infarto lo scorso 15 maggio, ha ottenuto ben 3.835 ma non andrà ai ballottaggi. Sembra qualcosa di surreale ma è così che stabilisce la legge per casi del genere. A sfidare Giuseppe "Peppino" Ranalli (Lista Civica - Pronti per Cambiare Partito Democratico (Pd) Sinistra ecologia e libertà (Sel) Lista Civica - Noi Sulmona Lista Civica - Certo che Partecipo Lista Civica - Riformisti per Sulmona), che ha preso 4.890, Luigi La Civita (Il Popolo della libertà (Pdl) Lista Civica - Giovani Futuro) che ha ottenuto 2008 preferenze. 

LA DOTE, L'ASTENSIONISMO E GLI APPARENTAMENTI. Quello che è accaduto nella città che diede i natali al poeta Ovidio è chiaro: i cittadini non sono andati a votare oppure hanno comunque spresso un voto di coscienza assegnando la preferenza allo sfortunato ingegnere scomparso durante un comizio. Entro le prossime 48 ore verrano comunicati gli apparentamenti che porebbero registrare la "riappacificazione" nel centrodestra tra Luigi La Civita ed Enea Di Ianni mentre non è chiaro che fine farà la "dote" di Sulmona Unita.

Marco Le Boeuf

 

 

martedì 28 maggio 2013, 15:14

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
voto
sulmona
ballottaggio
di benedetto
la civita
ranalli
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?